Arte & Mostre
stampa

Il «Rinascimento giapponese» in mostra agli Uffizi

Si apre agli Uffizi (Aula Magliabechiana) una grande mostra (3 ottobre-7gennaio 2108), la prima del suo genere in Europa, sull’arte giapponese corrispondente al periodo italiano dal primo Rinascimento agli inizi del Seicento: si tratta di paraventi pieghevoli e porte scorrevoli, molti dei quali tesori nazionali e proprietà culturali importanti e provenienti da musei, templi e dall’Agenzia per gli affari culturali del Giappone. Le opere, su carta e perciò delicatissime, saranno esposte in tre rotazioni di 13 alla volta, al fine di garantirne la conservazione dall’esposizione alla luce.

Percorsi: Arte - Firenze - Musei
Kanō Shigenobu  (attivo nella prima metà del XVII secolo)  Spighe di grano e papaveri  Prima metà del XVII secolo (periodo Edo)  Coppia di paraventi a sei ante  Inchiostro, colore e foglia d’oro su carta, cm 151,5 x 363 (ciascun paravento)  Tokyo, Idemitsu bijutsukan (Museo d’Arte Idemitsu)

Questo evento corona il centocinquantesimo anniversario delle relazioni diplomatiche bilaterali tra Italia e Giappone intraprese con la firma del Trattato di Amicizia e di Commercio il 25 agosto 1866. « Italia e Giappone si incontrano quindi agli Uffizi e la cultura si rivela così un ponte sul quale due grandi Paesi, eredi di antiche civiltà forti di solide tradizioni, rinnovano la propria amicizia. Un legame antico, consolidato dalle numerose iniziative culturali realizzate nei due Paesi per celebrare questa importante ricorrenza» (Dario Franceschini, Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo).

Fonte: Comunicato stampa
Il «Rinascimento giapponese» in mostra agli Uffizi
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento