Sondaggi

stampa
elezioni

Il Consiglio regionale della Toscana ha approvato nei giorni scorsi una nuova legge elettorale, il «Toscanellum». Si tratta di un proporzionale con premio di maggioranza (chi vince prende il 60% dei seggi se raggiunge il 45% dei voti al primo turno, oppure prende il 57,7% dei seggi se raggiunge il 40 o 45% dei voti validi nel primo turno di votazione) e con ballottaggio se nessun candidato alla carica di presidente della Regione raggiunge il 40%. Sono previsti sbarramenti al 10% per le coalizioni di partito, 5% per le liste non coalizzate e 3% per le liste all'interno di coalizioni. Vengono reintrodotte le preferenze (una o due con alternanza di genere) ma rimane la possibilità di un listino regionale bloccato, con al massimo tre nomi scelti dal partito (con alternanza di genere).

gov1

Il 31 marzo il Consiglio dei ministri ha approvato un disegno di legge costituzionale per trasformare il Senato in una camera di rappresentanza delle autonomie territoriali formato dai Presidenti delle Giunte regionali e delle Province autonome di Trento e Bolzano, dai sindaci dei Comuni capoluogo di Regione e di Provincia autonoma, nonché, per ciascuna Regione, da due membri eletti, con voto limitato, dal Consiglio regionale tra i propri componenti e da due sindaci eletti, con voto limitato, da un collegio elettorale costituito dai sindaci della Regione. Si prevede dunque una composizione paritaria tra rappresentanti delle Regioni e rappresentanti dei Comuni. A questa componente di natura territoriale si affiancano ventuno cittadini che abbiano illustrato la Patria per altissimi meriti nel campo sociale, scientifico, artistico e letterario (i requisiti sono i medesimi attualmente previsti per la nomina a senatori a vita), nominati dal Presidente della Repubblica per un periodo di sette anni. Il nuovo Senato non esprime più la fiducia al governo e non concorre più all'approvazione delle leggi.

Rai

Entro il 31 gennaio tutti i possessori di un apparecchio televisivo sono tenuti al pagamento del canone Rai (quest'anno euro 113,50 per le famiglie). È una disposizione che risale addirittura ad un Regio decreto legislativo del 1938 (n. 246) e che ha sempre fatto discutere, specialmente dopo l'avvento delle tv commerciali.

Dal 1° novembre 2012 sono scattati in Toscana gli aumenti degli abbonamenti ai trasporti locali in base al reddito. Chi ha un reddito certificato Isee inferiore ai 36.151,98 euro, non ha subito aumenti. 20% in più sugli abbonamenti per chi ha un reddito superiore.

lambus2
montecitorio

Alla Camera, grazie al premio di maggioranza, la coalizione guidata da Bersani ha una solida maggioranza, ma al Senato, pur avendo la maggioranza relativa dei seggi non ha i numeri per governare

tasse

 Il 16 gennaio 2013 l'Agenzia delle Entrate ha pubblicato la circolare attuativa del nuovo Redditometro. Previsti circa 70 mila controlli sui 40 milioni di contribuenti

tav

Dopo l'inchiesta della magistratura per truffa, corruzione, gestione abusiva rifiuti e infiltrazioni mafiose nei lavori della Tav per il sottoattraversamento di Firenze.

Cartina province

Monti ridisegna l'Italia: una provincia dovrà avere almeno 350 mila abitanti e una superficie di almeno 2.500 chilometri quadrati.

Il sondaggio è chiuso, puoi consultare il Risultato

Si parla tanto di cambiare la legge elettorale il cosiddetto «porcellum». Ma in quale direzione? proporzionale o maggioritario?

191206-301

Le elezioni politiche dovrebbero tenersi, a naturale scadenza della legislatura, in aprile. Devono tornare al voto anche le regioni Molise, Lombardia e Lazio, i cui Consigli regionali sono stati sciolti.