Spazio Lettori

Questo spazio è a disposizione dei nostri lettori per segnalare eventi, raccontare storie, esprimere le proprie opinioni, interagendo anche con gli altri lettori. Per utilizzare il servizio occorre essere registrati nella nostra community.

                                   

Effettua il login per inserire contenuti nella sezione "Spazio Lettori".

Non sei registrato? Registrati

Il Presepe tra fede e speculazioni .
Ho letto con una certa amarezza , la vicenda della scuola vicino a Bergamo dove il preside ha vietato il presepio accampando motivazioni di rispetto per le altre religioni ; ritengo che questo preside (anche se dalle ultime notizie sembra che abbia rivisto la sua posizione) abbia espresso un malinteso esercizio della laicità e che più che la paura di urtare la sensibilità di altre religioni , non abbia voluto mettersi in contrasto con laicisti italiani sempre pronti ad eccedere in anticlericalismo , che dobbiamo dire purtroppo è in tutto speculare con il clericalismo tuttora presente , nonostante le parole e la pastorale di Papa Francesco . Ma in queste vicende , quello che purtroppo mi colpisce di più , sono quei politici che non perdono tempo a speculare per motivi di consenso e ne approfittano per trasformare il presepe ( e non solo) in scontro di culture e di identità . Il Presepe è rappresentazione del Natale , del Dio che s’incarna , quindi celebrazione dell’umanità in tutte le sue dimensioni . Nel Natale non ci sono discriminazioni, non ci sono stranieri e cittadini , ci sono persone di uguale dignità . Questi politici mi pare facciano finta di non saperlo e seminano zizzania ,ne avranno senz’altro largo seguito elettorale e di potere . Esprimo una preghiera : lascino d’ora in poi perdere se hanno un minimo di rispetto per chi ci crede : Presepi , Natale ad altre Feste comandate . Fateci trascorrere con serenità le nostre Feste.
Carlo Giuseppe Rogani

IPAZIA O DELLA LAICITA’

Domenica 17 marzo 2013, V° di Quaresima , il Vangelo è quello dell’adultera che Gesù salva dalla lapidazione ( chi è senza peccato scagli la prima pietra ) , quindi rifiuto del giudicare, perdono , rispetto per la persona e per la sua integrità fisica e morale : sono le grandi lezioni di questo passo delle scritture. Pensavo a questo, la sera dopo cena , osservando in TV il film del regista Amenabar : “IPAZIA” . Non entro nel merito della critica al film , può darsi che pecchi di obiettività , non è questo il problema . Nel lungo metraggio , come dice il titolo , si parla di Ipazia : matematica,astronoma,filosofa neoplatonica e pagana , siamo ad Alessandria d’Egitto fra il IV e il V secolo D.C , da pochi anni l’imperatore Teodosio ha proclamato il cristianesimo religione dell’Impero Romano e attuato limitazioni per gli altri culti . Il vescovo della città Cirillo , favorito da queste leggi imperiali , attua una dura lotta contro il paganesimo che non rifugge da episodi violenti di scontro fisico , distruzione di centri culturali e anche l’espulsione da Alessandria della comunità ebraica . Ipazia , anche in quanto donna è vista dal vescovo come nemica acerrima e nonostante questa abbia il rispetto e l’amicizia di cristiani tolleranti come lo stesso procuratore imperiale e il vescovo di Cirene Sinesio , prevale l’odio e dei monaci fanatici legati al vescovo Cirillo la sorprendono sola e la uccidono facendola a pezzi . Orrore , peccato che Cirillo sia stato in seguito proclamato santo e dottore della Chiesa , così va il mondo si usa dire , purtroppo anche la Chiesa talvolta si adegui a certe logiche. Ho citato questa storia perché quest’anno è il millesettecentesimo dall’editto di Milano ( 313 d.C)con il quale l’imperatore Costantino concedeva la libertà ai Cristiani di professare la propria fede . Dopo appena settanta anni Teodosio , come ho già ricordato , trasformava i cristiani da ex perseguitati in persecutori . Bisognerà aspettare il Concilio Vaticano II° perché la Chiesa Cattolica accetti i principi della libertà religiosa e inizi a dialogare con le altre fedi . Celebrare questa data considerandola , come è stato detto , l’”Initium libertatis dell’uomo moderno “ ritengo sia rischioso proprio in considerazione dell’ipoteca Costantiniana che ha condizionata non certo positivamente la storia della Chiesa . Vediamo quasi giornalmente che in tante parti del mondo Cristiani sono perseguitati per la fede e pagano con la vita la loro fedeltà al Vangelo , si tratta di stati totalitari e/o fondamentalisti e credo sia innegabile che solo una società democratica , laica , pluralista possa garantire la vera libertà di esercizio della propria fede con tutte le attività collegate e aggiungo di tutte le fedi che lo stato laico e democratico non può non considerare alla pari senza concedere privilegi ad una a scapito delle altre . Come cattolici , dovremo sempre più spesso aver presente la “Gaudium et Spes” e comprendere che con gli anatemi e le chiusure assolute sui così detti “ principi non negoziabili” si va poco lontano , solo nel dialogo , nella testimonianza personale e comunitaria coerente senza pretendere d’imporre la nostra etica , nella condivisione dei problemi umani e sociali potremo avere il rispetto degli altri e il posto che ci spetta nella società civile.

Carlo Giuseppe Rogani
Siena