Spazio Lettori

Questo spazio è a disposizione dei nostri lettori per segnalare eventi, raccontare storie, esprimere le proprie opinioni, interagendo anche con gli altri lettori. Per utilizzare il servizio occorre essere registrati nella nostra community.

                                   

Effettua il login per inserire contenuti nella sezione "Spazio Lettori".

Non sei registrato? Registrati

Ci sono nella cronaca notizie ricorrenti con relativo corredo di polemiche come quella sulla costruzione di nuove Moschee ; se ne è parlato negli anni passati per una che sarebbe dovuta sorgere a Greve , per quella di Colle Val d'Elsa ormai funzionante , se ne parla ora per quella che dovrebbe essere costruita a Firenze e mi pare anche a Milano . Si moltiplicano le speculazioni di certe forze politiche , prese di posizione pro e contro , sorgono comitati avversi che propongono tanto per cambiare di sottoporre la realizzazione del luogo di culto Islamico ad un referendum .
Comprensibile che ci sia paura per la possibile presenza di terroristi e fondamentalisti ma è certo che un simile strumento , per eccellenza democratico , non sia proponibile perché ritengo che sia in netto contrasto con gli articoli 8 e 19 della nostra Costituzione che sancisce la piena libertà religiosa e delle sue manifestazioni . Uno strumento di libertà usato per limitare o impedire l'esercizio di una libertà fondamentale come quella religiosa è una contraddizione lampante. Se vi fossero reali pericoli per le Istituzioni , ci sono altri strumenti , devono intervenire gli organi competenti : polizia , magistratura , prefettura , Comune etc e i cittadini singolarmente o in gruppo hanno il dovere di fare segnalazioni o denunce. C'è poi un aspetto da non sottovalutare , certe iniziative di scontro corrono il rischio di creare ulteriori divisioni , esclusioni e spingere le persone più fragili nelle mani dell'estremismo . In una società sempre più multiculturale e multireligiosa, dove i problemi di convivenza presentano maggiori conflittualità , è necessaria una politica che coniughi l'integrazione con legalità e sicurezza e cerchi di disinnescare provocazioni e tensioni , anche alimentate ad arte , per scatenare uno scontro di civiltà. Nello stesso tempo ,e soprattutto mi rivolgo a chi fa riferimento ai valori del Cristianesimo , è necessario un approfondimento e in alcuno casi una riscoperta delle basi della nostra fede , non tanto per trovare una identità da sbattere in faccia ad altre identità , quanto per acquistare una coerenza di vita e una saldezza di principi che sono indispensabili per un dialogo ed un incontro – confronto alla pari con i fedeli di altre religioni e in particolare l' Islam.
Carlo Giuseppe Rogani
Siena
9.08.2015