Cultura & Società

Cultura & Società stampa

La poesia di Gaber e Guccini contro le canzonette del Festival di Sanremo. Chi si ostina a pensare che la canzone possa anche essere una cosa un po' più seria di quella che ci viene ultimamente propinata al Teatro Ariston ha comunque di che consolarsi. «Io non mi sento italiano» dell'indimenticabile Giorgio Gaber e «Lampo viaggiatore» di Ivano Fossati sono in testa alla classifica degli album più venduti. Un fatto che ancora una volta testimonia come la grande stagione dei cantautori italiani sia tutt'altro che al tramonto, nonostante la loro età nonché le dolorose perdite di Gaber e, quattro anni fa, di Fabrizio De André.
DI MARCO LAPI E ANTONIO CECCONI

Lord Norman Foster per la stazione Tav, Jean Nouvel per il recupero dell'area Fiat di viale Belfiore, Leonardo Ricci e Adolfo Natalini nell'ex-area Fiat di Novoli (Palazzo di Giustizia e Università), Richard Rogers per il centro di Scandicci, Arata Isozaki per il nuovo ingresso degli Uffizi, Santiago Calatrava per il nuovo Museo dell'Opera del Duomo, Renzo Piano per il recupero dell'ex-carcere delle Murate... Firenze sta cambiando il suo volto sotto la mano dei maggiori architetti mondiali. Ma che impatto potrà avere sulla culla del Rinascimento? Lo abbiamo chiesto ad Antonio Paolucci, Franco Cardini e Francesco Gurrieri.
DI LORELLA PELLIS

La notizia è recentissima: secondo un decreto ministeriale di prossima attuazione, l'Istituto papirologico «Gerolamo Vitelli» di Firenze compare in una lista di enti nazionali di ricerca da «smantellare» e inquadrare nella ristrutturazione del Centro nazionale ricerche meglio noto come Cnr. La comunità scientifica internazionale è subito insorta. Che cosa è il «Vitelli», dove si trova e perché tante proteste?
DI ELENA GIANNARELLI

Voluta dalla Regione Toscana e presieduta dalla scienziata indiana Vandana Shiva, la commissione, intitolata «Future of Food», si è riunita nei giorni scorsi a Firenze producendo un decalogo, una sorta di dichiarazione sui diritti globali del cibo dove si afferma la necessità di garantire a tutta l'umanità cibo di qualità, sicuro e liberato dagli ostacoli creati dai meccanismi di commercializzazione imposti dall'Organizzazione mondiale del commercio.
DI REBECCA ROMOLI

È in nome di Evaristo Gherardi, uno dei più celebri Arlecchini di tutti i tempi alla Corte francese del Re Sole, che Prato ospiterà nell'estate prossima un laboratorio sulla Commedia dell'arte. «Dalla Commedia dell'arte alla maschera contemporanea» è il titolo del master triennale per attori professionisti che il Metastasio, Teatro Stabile della Toscana, realizzerà sotto la direzione di Marcello Bartoli, uno dei principali artisti di talento ed esperienza nel genere della maschera. E intanto a Viareggio tutto è pronto per le sfilate dei carri.

I terremoti, ma soprattutto la recente eruzione dell'Etna, hanno riportato alla memoria il nome di Sant'Agata come quello del personaggio d'una favola: chi era costei? Ormai non s'immagina neppure la ricchezza di spiritualità, esempi, simboli, riflessioni, cultura ci siamo lasciati alle spalle: figure che hanno permeato la religiosità e la storia per quasi due millenni.
DI CARLO LAPUCCI

Se può accadere che la cultura cristiana sia accusata di fregiarsi di figure che non le apparterebbero, quasi battezzandole in modo indebito, quello del romanziere inglese J.R.R. Tolkien (1892-1973), tornato, per così dire, alla ribalta attraverso il film in tre parti tratto dal suo capolavoro Il Signore degli Anelli, è un caso di segno del tutto opposto. Sono pochi, infatti, a conoscere le profonde radici cristiane che caratterizzano la sua opera e molto più la sua biografia: radici senza le quali, in realtà, i contenuti stessi della sua straordinaria saga resterebbero privi di una corretta chiave interpretativa.
DI ALESSANDRO ANDREINI