Cultura & Società
stampa

Certaldo, i fratelli Calindri diventano concittadini di Boccaccio

Venerdì 11 aprile, ore 21.30, in Certaldo Alto – Palazzo Pretorio, si svolgerà la cerimonia di conferimento della cittadinanza onoraria ai fratelli, Gilberto, Marco e Gabriele Calindri, i tre figli del grande attore Ernesto Calindri; una cerimonia che sarà una vera e propria festa, aperta a tutta la cittadinanza.

Percorsi: Certaldo
Parole chiave: boccaccio (5)

La serata inizierà con una proiezione di ricordi del Premio Calindri, la manifestazione che grazie all’impegno e all’amore che i Calindri hanno manifestato per Certaldo, dove il padre Ernesto nacque casualmente nel 1909 e dove oggi è sepolto, ha portato a Certaldo dal 2000 ad oggi ben 14 protagonisti dello spettacolo italiano, tra i quali Arnoldo Foà, Ugo Pagliai e Paola Gassman, Pippo Baudo, Carlo Verdone, Fabrizio Frizzi, Christian De Sica, Marisa Laurito, Luca Barbareschi.

Parte centrale della serata saranno le due esibizioni delle compagnie teatrali di Certaldo: «I’ Tutolo» - che metterà in scena un estratto da «Pensione Cherubini....la vita continua» e «La Porta al Sole» - che metterà in scena un estratto da «Chi muore giace e chi vive si da pace».

Interverranno poi il sindaco, l’Assessore alla cultura, i presidente del Consiglio comunale e i gruppi consiliari.

Chiuderà la serata a consegna delle pergamene che sanciranno la cittadinanza onoraria e il consueto saluto-spettacolo, ricco di aneddoti sulla vita artistica del padre, dei fratelli Gilberto, Marco e Gabriele Calindri, tre figli d’arte capaci di allietare e divertire il pubblico anche improvvisando e che ormai per Certaldo sono veri e propri figli adottivi.

Fonte: Comunicato stampa
Certaldo, i fratelli Calindri diventano concittadini di Boccaccio
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento