Cultura & Società
stampa

Comunicazione sociale: al via da oggi campagna contro parole che uccidono

Un africano chiamato negro, un arabo chiamato terrorista, una donna rom chiamata ladra, un ragazzo chiamato ciccione. I volti sono squarciati e frantumati da queste parole, usate come se fossero armi. Sono le immagini forti usate nella Campagna «Anche le parole possono uccidere» promossa da Famiglia Cristiana, Avvenire, Fisc, agenzia Armando Testa contro ogni tipo di discriminazione, con l'hashtag concept #migliorisipuò.

Percorsi: Fisc - Mass media

La campagna, alla quale ha aderito anche Toscana Oggi, sarà diffusa anche in 10mila parrocchie. «Vogliamo che cresca una società più tollerante e meno discriminatoria - ha spiegato don Antonio Sciortino, direttore di Famiglia Cristiana -. In Italia si torna ad urlare nelle piazze contro gli immigrati scaricando su di loro i mali della crisi e di questa società». Don Sciortino ha citato i dati di una inchiesta secondo cui il 66% degli intervistati ha dichiarato di essere discriminato almeno una volta nella vita. «Oggi è molto comune essere oggetto di discriminazione, non solo per gli immigrati - ha detto -. I rom sono considerati ladri a prescindere da qualsiasi comportamento. Non possiamo restare inerti di fronte a tante tragedie quotidiane. Vogliamo portare avanti una battaglia di civiltà che aiuti il nostro Paese ad essere migliore. Bisogna tenere a freno la lingua perché le parole sono come proiettili».

Per Marco Tarquinio, direttore di Avvenire, questi temi sono «parte di un nostro modo di comunicare. Oggi c'è bisogno di una alfabetizzazione nuova perché c'è un uso smodato delle parole che uccidono. C'è stato in questi anni un processo di imbarbarimento, di involgarimento e di incattivimento sui giornali». Le quattro parole chiave - negro, terrorista, ladra, ciccione - «non sono scontate - ha puntualizzato -, come vediamo ogni giorno negli episodi di cronaca. I giornali di ispirazione cattolica sono da sempre dalla parte di quelli di cui si dice male ma non per buonismo e pietismo. Purtroppo sull'uso delle parole c'è ancora tanto da fare». Don Bruno Cescon, vicepresidente della Fisc, a nome dei 190 settimanali diocesani ha sottolineato che «un linguaggio neutro non esiste. Le parole hanno sempre un significato e conducono da qualche parte. I nostri settimanali cercano di essere presenti dovunque, vicini alle famiglie. Scardinare pregiudizi e parole non è facile, a noi spetta il compito di sentirci corresponsabili di ciò che accade e aiutare ad interpretare la realtà». Marco Testa, presidente del Gruppo Armando Testa, ha precisato: «Questa campagna può essere giudicata un po' forte ma io spero possa entrare nell'anima della gente e far nascere dei dibattiti».

Fonte: Sir
Comunicazione sociale: al via da oggi campagna contro parole che uccidono
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento