Cultura & Società
stampa

Dal Sudamerica a Firenze: sul sagrato del Duomo arriva il «San Ignacio» di Zipoli

Le suggestive atmosfere delle feste popolari che i gesuiti organizzavano nel Seicento nelle missioni dell’antica provincia del Paraguay rivivono nell’appuntamento organizzato dall'Opera del Duomo di Firenze, per la rassegna «O flos colende», giovedì 3 luglio (ore 21.30).

Percorsi: Firenze - Firenze 2015 - Musica
Parole chiave: domenico zipoli (1), opera del duomo (22), franco lucchesi (2)
Dal Sudamerica a Firenze: sul sagrato del Duomo arriva il «San Ignacio» di Zipoli

Atmosfere che verranno ricreate, nello loro dimensione spettacolare, sul palcoscenico naturale offerto dal sagrato del Duomo di Firenze: per l'occasione saranno sistemati 800 posti a sedere tra il Duomo e il Battistero. Cuore della inusuale proposta è il fastoso dramma spirituale e agiografico "San Ignacio", lavoro dedicato al santo fondatore della Compagnia di Gesù con musiche di Domenico Zipoli. Il musicista originario di Prato, poi vissuto a lungo con i Gesuiti nelle missioni tra gli Indios, è ancora oggi amatissimo in Sudamerica e il suo "Gloria" è tra le pagine più apprezzate da Papa Francesco. E questo evento diventa così anche un omaggio al Papa, anche lui gesuita e sudamericano, che nel 2015 è atteso a Firenze.

Autorevoli protagonisti della suggestiva proposta sono l’Ensemble Elyma, famoso gruppo strumentale specializzato nel repertorio rinascimentale-barocco, soprattutto di area italiana e latinoamericana, e il suo fondatore, l’argentino Gabriel Garrido,  da anni attivo con successo in questo repertorio. Ingresso libero, è suggerita la prenotazione all'Opera del Duomo (tel. 055.2302885).

Dal Sudamerica a Firenze: sul sagrato del Duomo arriva il «San Ignacio» di Zipoli
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento