Cultura & Società
stampa

La stagione 2014 dell'Orchestra da camera fiorentina

Nuovi protagonisti e graditi ritorni. In ogni caso un programma di rilievo internazionale quello che segna la trentaquattresima stagione dell’Orchestra da Camera Fiorentina. Ospiti, tra gli altri, i direttori Josè Luis Castillo, Mario Roncuzzi, Roman Revueltas e Vicente Arino Pellicer, il primo flauto dei Berliner Philharmoniker Andreas Blau, il “Paganini della tromba” Sergej Nakariakov, dall'Orchestra di Santa Cecilia l’oboe solista Francesco Di Rosa ed il primo corno Alessio Allegrini, la pianista russa Maria Meerovitch, i chitarristi Luigi Attademo e Josè Isidoro Ramos e altri nomi eccellenti.

Percorsi: Firenze - Musica
L'Orchestra da Camera fiorentina

Giunta alla trentaquattresima edizione, la stagione dell’Orchestra da Camera Fiorentina continua fino a dicembre con ben 42 concerti. Scenografiche e ricche di storia le cornici: all’Auditorium di Santo Stefano, al Museo di Orsanmichele ed al Museo del Bargello, si aggiunge – novità di quest’anno – una serie di anteprime e repliche in altri spazi della Toscana: dal Teatro dei Rozzi di Siena al Palazzo Ducale di Massa, dal Teatro Signorelli di Cortona al Castello di Scarlino, dalla Chiesa degli Agostiniani di Empoli al Teatro dei Rassicurati di Montecarlo (Lucca), dal Museo di Storia Naturale del Mediterraneo a Livorno alla Pieve di San Michele Arcangelo di Corsanico.

Il cartellone si articola attraverso i capisaldi del repertorio orchestrale d'epoca classica e romantica insieme a composizioni nuove di autori toscani. Il tutto impreziosito da solisti di gran nome. In programma composizioni che l'orchestra suona con disinvoltura e successo da tempo.

Oltre al Requiem di Mozart, con cui il 23 e 24 marzo si è aperta la stagione), la Sinfonia “degli Addii” di Haydn (domenica 15 e lunedì 16 giugno, Museo di Orsanmichele, ospiti il direttore messicano Roman Revueltas, il violinista francese Francis Duroy, il contrabbassista Alberto Bocini del Maggio Musicale); la Sinfonia Italiana di Mendelssohn (giovedì 17 luglio, Museo del Bargello, ospite la pianista russa Maria Meerovitch); la Serenata per archi di Dvorak (domenica 13 e lunedì 14 aprile, Auditorium Santo Stefano al Ponte Vecchio, direttore Paolo Biancalana, pianoforte Alessio Cioni, violino Damiano Tognetti); le colonne sonore cinematografiche di Nino Rota, Morricone e Piovani (martedì 29 luglio, Museo del Bargello, direttore e arrangiatore Giuseppe Lanzetta, tromba Alessandro Silvestro, pianoforte Alessio Cioni).

Altre, invece, eseguite per la prima volta, come il Concerto per corno e orchestra op. 11 di Strauss, di cui ricorre il 150esimo della nascita (domenica 25 e lunedì 26 maggio, Auditorium Santo Stefano al Ponte Vecchio, ospite il cornista Alessio Allegrini dell’Orchestra di Santa Cecilia).

Di prima grandezza gli interpreti scritturati: Andreas Blau, primo flauto dei Berliner, per il Concerto K. 313 di Mozart e una pirotecnica Fantasia sulla Carmen di Bizet (domenica 12 e lunedì 13 ottobre, Museo di Orsanmichele); il russo Sergey Nakariakov che ha trascritto per la sua tromba funambolica il Concerto n.1 per violoncello di Haydn (martedì 15 luglio, Museo del Bargello); il pianista siciliano Giuseppe Andaloro per il Concerto op. 19 di Beethoven (domenica 28 e lunedì 29 settembre, Museo di Orsanmichele); l’astro della chitarra Luigi Attademo per il Concerto RV 93 di Antonio Vivaldi (martedì 13 maggio, Museo di Orsanmichele).

E ancora, in prima assoluta commissioni ai compositori Andrea Portera, nome in rapida ascesa nel panorama internazionale, al teenager Edoardo Vella, suo allievo alla Scuola di Musica di Fiesole, a Lorenzo Mariani, autore di colonne sonore e songwriter (anche per Roberta Faccani dei Matia Bazar) formatosi a Hollywood, e a Claudio Freducci, Alberto Giglioni e Filiberto Pierami che hanno regalato a Giuseppe Lanzetta loro pezzi mai ascoltati prima.    

La nuova stagione dell’Orchestra da Camera Fiorentina è realizzata con il sostegno del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, del Comune di Firenze, della Regione Toscana, dell’Ente Cassa di Risparmio di Firenze, della Banca CR Firenze Intesa San Paolo e del Polo Museale Fiorentino, in collaborazione con l’Arcidiocesi di Firenze.

Biglietti, riduzioni e sconti – Biglietto intero 15 euro. Biglietto ridotto a 12 euro per studenti (muniti di tesserino) e over 65 (muniti di un documento). Ai titolari della “Carta Giò – Io studio a Firenze” del Comune di Firenze è riservato un biglietto speciale di 5 euro. Chi ha visitato uno dei musei del Polo Museale Fiorentino, presentando alla cassa il tagliando d’ingresso, potrà usufruire di uno sconto del trenta per cento.

Informazioni e prenotazioni
www.orcafi.it - info@orcafi.it - Segreteria Orchestra tel. 055-783374
Prevendite
Box Office - via delle Vecchie Carceri, 1 (Firenze) -  tel. 055 210804. Orario: mar/sab 10/19.30 - Lun 15.30/19.30 – www.boxol.it. Prevendita anche presso il Museo di Orsanmichele e all’Auditorium di Stefano al Ponte nei giorni dei concerti, dalle ore 10 alle 13 e dalle 15 alle 21
Gli spazi fiorentini che ospitano la stagione
Museo di Orsanmichele: via dell’Arte della Lana, 1/via dei Calzaiuoli
Cortile del Museo Nazionale del Bargello: via del Proconsolo, 4
Auditorium Santo Stefano al Ponte Vecchio: Piazza Santo Stefano (via Por Santa Maria)

Fonte: Comunicato stampa
La stagione 2014 dell'Orchestra da camera fiorentina
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento