Cultura & Società
stampa

Montereggio, adotta una Maestà

In Lunigiana esiste un luogo dove il tempo sembra essersi fermato. Sarebbe forse più opportuno dire che esiste un posto dove ancora persistono, tra la gente, quei valori, quella sensibilità e quella passione verso le propri origini, che rendono possibile il perpetuarsi nel tempo della propria storia e delle proprie tradizioni. 

Percorsi: Arte - Cultura - Massa Carrara

Stiamo  parlando di Montereggio (MS). L’Associazione di volontariato «Le Maestà di Montereggio» ha ideato, elaborato ed attivato il progetto «Adotta una Maestà» che prevede, quale primo step, il reperimento di fondi per poter eseguire i lavori di recupero e restauro delle sette  pregevoli e significative icone seicentesche in marmo (Maestà),  appartenenti all’originario percorso del Rosario, istituito dal Ottavio Malaspina Marchese del Feudo di Montereggio, nel XVII secolo, sugli antichi sentieri di pellegrinaggio che da Montereggio e Pozzo portavano al Santuario della Madonna del Monte. 

A seguito di una breve ma intensa campagna di sensibilizzazione, in pochi mesi hanno risposto e aderito all’iniziativa, con sorprendente entusiasmo, molte imprese e privati cittadini. Sono stati raccolti quasi tutti i fondi necessari per la realizzazione  restauro di tutte le Maestà site nel paese, circa il 90%. La ditta Artibus Snc di Milano, specializzata in restauro, si è associata all’idea, diventando a sua volta uno sponsor tecnico del progetto. In questi giorni il progetto tecnico-economico di intervento redatto dalla  società incaricata, in concerto con  L’Associazione di volontariato «Le Maestà di Montereggio», è stato approvato dalla Soprintendenza per i beni culturali e architettonici delle Province di Lucca e Massa Carrara e dall’Ufficio per i beni culturali della Diocesi di Massa e Pontremoli. Nel rilasciare l’autorizzazione gli Enti hanno sottolineato, non solo la bontà dell’iniziativa di recupero delle emergenze culturali, come in passato aveva fatto il maggior esponente di UNESCO Italia, ma hanno anche evidenziato la serietà, la precisione e l’idoneità tecnica del progetto presentato.

L’Associazione Manfredo Giuliani e il CAI di La Spezia con il suo presidente Laila Caldarelli fin dall’inizio hanno patrocinato con entusiasmo il progetto, che rientra in un quadro di recupero delle emergenze culturali.

Chiunque volesse contribuire al progetto può farlo mediante un contributo a: Banca Prossima IBAN: IT48 O033 5967 6845 1070 0152 554, intestato a: Associazione “Le Maestà di Montereggio”; Causale: Progetto Adotta una Maestà (Proprio Nome)

Info progetto: www.montereggio.

Fonte: Comunicato stampa
Montereggio, adotta una Maestà
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento