Cultura & Società
stampa

Pelago-Rufina: il 20 aprile si inaugurano 195 km di sentieri

Una fitta rete di sentieri escursionistici tra Pelago e Rufina che si sviluppa per ben 195 chilometri. Un progetto realizzato in modo congiunto tra i comuni di Pelago e Rufina che vedrà la sua inaugurazione sabato prossimo 20 aprile alle 18 in Villa Poggio Reale a Rufina.

Percorsi: Turismo
Parole chiave: Pelago (3), Rufina (1)

L'iniziativa è partita nel 2010 quando i comuni di Pelago e Rufina affidano a Mario Mantovani lo studio e la progettazione di nuova rete escursionistica, che è stata realizzata anche col sostegno dell'Unione di Comuni Valdarno e Valdisieve, GAL-start, Regione Toscana e col finanziamento dell'Unione Europea attraverso il Fondo Europeo per lo Sviluppo Rurale.

La rete escursionistica è stata realizzata cercando di recuperare gli antichi tracciati di collegamento che permettevano alle popolazioni, sparse nelle campagne di raggiungere a piedi le chiese, i mercati, i mulini, i frantoi. All'escursionista si offre quindi un'esperienza di vera "archeologia del paesaggio". Il turista che si incammina sulle mulattiere può seguire i passi dei pastori della transumanza, immaginare la fatica dei carbonai al lavoro nei boschi, ricordare la devozione delle famiglie contadine che camminando per ore raggiungevano pievi e santuari. I nuovi sentieri attraversano una campagna ricchissima di insediamenti storici immersi in una varietà di ambienti naturali: i fiumi Arno e Sieve, le colline coperte da vigneti e oliveti, i boschi di querce e castagni, le foreste di abeti.

La Sezione Fiorentina del CAI ha ripulito gran parte dei tracciati, ha installato 150 frecce in legno e segnalato tutta la rete con i classici colori bianco - rosso. Centocinquanta cartelli metallici sono stati invece sistemati lungo le strade principali, a segnalare l'inizio dei sentieri.

I sentieri tracciati presentano varie difficoltà e sono generalmente adatti ad un escursionista medio, equipaggiato con scarponi da montagna. Sebbene pensata principalmente per i pedoni, gran parte della rete, può essere percorsa anche a cavallo o in mountain bike, avendo cura di integrarla con le tante strade forestali e poderali che permettono di evitare i tratti di sentiero più difficili e scoscesi. I tracciati spesso possono chiudersi comodamente ad anello: cioè tornando al punto di partenza senza dover percorrere due volte lo stesso sentiero.

Una mappa in scala 1:15.000, diffusa gratuitamente nelle segreterie dei due comuni coinvolti, illustra la rete dei sentieri segnalando i principali servizi. Nelle principali centri abitati è prevista l'installazione di grandi tabelloni, con una mappa ingrandita dei sentieri locali.

Tutte le informazioni utili (tracce per GPS o smartphone, mappe stampabili, itinerari consigliati) sono disponibili su internet, in versione per pc o smartphone, all’indirizzo http://pelago.sentieri.toscana.it .

Dopo il 20 aprile ci sarà un altro momento di presentazione della rete giovedì 25 aprile a Pelago, nell’ambito della tradizionale Biofioricola. Si potrà percorrere il sentiero “inaugurale” sul percorso Pelago –Ferrano. L’appuntamento per chi vuole partecipare è alle 9,30, presso il Palazzo Municipale di Pelago. Lungo il percorso guide esperte descriveranno l’ambiente storico e naturalistico (escursione libera a piedi di livello medio per un totale di 4-5 ore di cammino).

Pelago-Rufina: il 20 aprile si inaugurano 195 km di sentieri
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento