Vescovi toscani
stampa

Cet, le Chiese toscane in attesa del Convegno ecclesiale nazionale

Il comunicato finale sui lavori della Conferenza episcopale toscana, riunita lo scorso 30 marzo all'Eremo di Lecceto. Avviata una riflessione sulla situazione sociale ed economica della regione.

Nella foto, i vescovi toscani in visita ad Limina da Francesco, appena diventato papa (Foto Sir)

Lunedì 30 marzo 2015  si è riunita all’Eremo di Lecceto, in diocesi di Firenze, la Conferenza Episcopale Toscana. I Vescovi toscani hanno salutato con gratitudine l’annuncio della visita di Papa Francesco, che il prossimo 10 novembre incontrerà, a Prato, il mondo del lavoro e poi raggiungerà Firenze, dove terrà il suo discorso ai partecipanti del V Convegno Ecclesiale Nazionale sul tema «In Gesù Cristo il nuovo umanesimo» (Firenze, 9-13 novembre) per poi incontrare la Chiesa e la città di Firenze presiedendo la Concelebrazione eucaristica allo Stadio comunale. Sarà una preziosa occasione per ascoltare le parole del Pontefice e fare tesoro delle sue indicazioni.

Nelle diocesi toscane intanto prosegue il percorso di preparazione al Convegno, con momenti di riflessione e confronto. Sabato 13 giugno si svolgerà un incontro regionale di tutti i delegati che parteciperanno all’evento di Firenze in rappresentanza delle Chiese della Toscana, per condividere idee, proposte ed esperienze da presentare durante il Convegno nazionale.

I Vescovi toscani hanno accolto con gioia anche l’annuncio dell’Anno Santo della Misericordia, che si aprirà il prossimo 8 dicembre, e attendono da Papa Francesco la Lettera di Indizione da cui trarre indicazioni su come dare forma alla partecipazione delle Diocesi toscane a questo Giubileo straordinario.

In apertura dei lavori il Cardinale Giuseppe Betori, Arcivescovo di Firenze e Presidente della Conferenza Episcopale Toscana, ha riferito sulla recente riunione del Consiglio Episcopale Permanente. A seguito dell’assemblea generale della CEI che si svolgerà nel prossimo mese di maggio, verranno offerti nuovi strumenti di lavoro per approfondire tra i sacerdoti, attraverso i  loro organismi rappresentativi, le tematiche relative alla vita e alla formazione permanente del clero, nell’ottica di quella riforma in senso missionario che il Papa chiede alla Chiesa nel suo Magistero, e in particolare nell’Esortazione apostolica Evangelii gaudium.

La Conferenza Episcopale Toscana ha poi avviato una riflessione sulla situazione sociale ed economica della regione, ponendo l’attenzione su alcuni elementi di preoccupazione, legati in particolare alla mancanza di lavoro, alle difficoltà delle famiglie, alle condizioni di precarietà vissute spesso dai giovani. I Vescovi vogliono comunque guardare con speranza ai segnali di ripresa che sembrano timidamente affacciarsi, augurandosi da una parte che si consolidino e offrendo dall’altra indicazioni circa quei valori umani, di cura della dignità della persona, apertura alla vita, sostegno alla famiglia, attenzione alle fragilità, senza i quali non ci potrà essere un vero sviluppo.

In occasione dell’Anno della Vita Consacrata, i Vescovi hanno incontrato la Presidente regionale dell’Usmi (Unione Superiore Maggiori d’Italia), madre Paola Becuzzi, e la Delegata Usmi della Diocesi di Firenze suor Manuela Latini. Sono stati messi in luce alcuni aspetti problematici che riguardano la presenza religiosa femminile in Toscana, senza dimenticare i tanti elementi positivi e di apertura profetica al futuro che il mondo della vita consacrata femminile offre alle Chiese di Toscana. I Vescovi hanno ribadito la convinzione dell’importanza della presenza della Vita Consacrata per la vita ecclesiale e sociale delle diocesi. Sono state sottolineate la delicatezza, ma anche le potenzialità positive insite in questo momento di passaggio, per gli istituti religiosi di vita attiva, da una presenza basata principalmente sulle opere a un nuovo tipo di presenza che può rispondere più all’”essere” che al “fare”, restando vicino ai bisogni e alle attese della gente. È stata sottolineata anche la necessità di proseguire e incrementare il dialogo tra la Vita Consacrata e le diocesi, perché gli Istituti Religiosi e di vita consacrata siano sempre più parte integrante della vita ecclesiale dei nostri territori. È stato annunciato anche un pellegrinaggio regionale che i consacrati della Toscana faranno sabato 30 maggio al santuario mariano di Montenero.

Nel corso dei lavori, la Conferenza Episcopale Toscana ha confermato l’elezione di Gabriele Pecchioli a Presidente dell’Opera per la Gioventù «Giorgio La Pira», e ha rinnovato a don Marco Pierazzi il mandato di assistente spirituale della stessa Opera.

In occasione della Pasqua, i Vescovi hanno rivolto il loro augurio a tutti gli uomini e le donne della Toscana, perché nella gioia del Signore Risorto possano trovare risposta le loro ansie, le loro attese e le loro speranze: che ognuno possa vedere in Gesù Cristo non un ostacolo o un limite alla propria esistenza, ma un maestro e modello a cui ispirarsi per vivere più pienamente la propria umanità.

Cet, le Chiese toscane in attesa del Convegno ecclesiale nazionale
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento