Arezzo
stampa

Un saluto commosso al maresciallo Parrini.

Nei giorni scorsi la comunità di Ambra ha pianto il proprio concittadino, maresciallo maggiore Pierluigi Parrini, detto Piero.
Le esequie hanno visto una sentita partecipazione non solo degli amici e parenti valdambrini, ma di quanti lo hanno conosciuto durante il tempo del suo servizio nell'Arma dei Carabinieri. Figlio del maresciallo Giocondo Parrini, entrò, seguendo le orme del padre e del fratello Fernando, nelle file della «benemerita». Iniziò la propria attività in provincia di Ravenna, poi attraverso i vari trasferimenti arrivò a Firenze, dove rimase fino alla pensione.
Tornato ad Ambra, ha passato i suoi ultimi anni di vita assieme a sua moglie Marina e ai figli Franco e Maria Letizia. Alcuni anni fa fu ricevuto dal vescovo monsignor Gualtiero Bassetti, che lo abbracciò commosso nel ricordo di quanto vissuto a Firenze durante i terribili anni delle bombe in via dei Georgofili: l'uno al servizio di sicurezza presso palazzo della Signoria, l'altro vicario generale della diocesi fiorentina.
Da tempo combatteva con dignità e coraggio con il male che minava la sua salute e che alla fine lo ha portato via. Nel pianto di amici, parenti e conoscenti rimane vivo il ricordo e l'esempio di un uomo che ha saputo compiere il proprio dovere non dimenticandosi mai dei valori evangelici. Durante le esequie il parroco don Pierluigi Cetoloni, lo ha ricordato come uomo e amico degno della più ampia memoria.
GOF

Un saluto commosso al maresciallo Parrini.
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento