Firenze

L'Osservatore Toscano - Settimanale della Diocesi di Firenze
Redazione: Via dei Pucci, 2 50122 Firenze
Tel.055/277661 Fax. 055/2776624 - firenze@toscanaoggi.it

Vuoi leggere la rivista online? Visita la nostra Area abbonati (accessibile ai soli abbonati)

Il «vecchio priore» non ha potuto incontrare il Papa. Forse anche a lui avrebbe stretto le mani, non per essere benedetto, ma per benedire e ringraziare, come faceva da alcuni anni con chiunque lo avvicinasse, quando era più vigile. Da tempo allettato e in carrozzina, don Torquato Mugnaini, il penultimo priore di Barbiana, scomparso il 6 giugno nel Convitto ecclesiastico di Firenze, forse non sarebbe potuto salire lo stesso con gli altri confratelli sul Monte Giovi per lo storico incontro con Papa Francesco.

«Tutto nasce dal suo essere prete». Papa Francesco, dopo aver pregato sulla tomba di don Lorenzo Milani, ha rimarcato con forza le motivazioni profonde dell'impegno del priore di Barbiana per i poveri (testo integrale). «Il gesto che oggi ho compiuto - ha detto il Papa - vuole essere una risposta a quella richiesta più volte fatta da don Lorenzo al suo Vescovo.. di essere riconosciuto e compreso nella sua fedeltà al Vangelo».

«Come clero fiorentino ci sentiamo particolarmente onorati dalla decisione del Papa e dobbiamo sentire rafforzata la nostra responsabilità nel custodire in modo fedele e creativo l’eredità che don Milani e, con lui, tutti i protagonisti del cattolicesimo fiorentino della metà del Novecento ci hanno lasciato. È un’eredità che chiama a un serio radicamento nella fede e nella vita spirituale, a una comprensione sempre più profonda del legame del Vangelo con la storia, a una compromissione senza riserve per i fratelli, specialmente per quanti soffrono». Lo ha affermato il cardinale Giuseppe Betori durante l'assemblea diocesana del clero a Monte Senario.

I giovani della scuola di Evangelizzazione invitano tutti a partecipare al primo Festival intergioiosi Vieni alla Luce, dal 16 al 18 giugno presso il monastero dello Spirito Santo in via del Carota, 13 a Bagno a Ripoli. Sarà presente all’evento p. Daniel Ange fondatore della scuola di preghiera e missione Jeunesse Lumiere in Francia.

«Viviamo nella violenza. Dio è implicato in questa violenza, favorendola secondo alcuni, non impedendola secondo altri. La questione ci provoca, una provocazione tradotta in riflessione. Per noi, del Monte, e per te, che sali sul Monte. Pensiamoci insieme.» Ripartono al Convento del Monte Senario gli incontri del progetto «Sabati di luglio». Quest’ anno il tema centrale sarà la violenza.

«Credo che il Papa voglia mostrare, con questo viaggio in due tappe, la grandezza del sacerdozio, dell’essere preti e dell’essere parroci in modo particolare, indicando due testimonianze alte del modo di stare, da prete e da parroco, accanto alla propria gente, ascoltandola, accompagnandola e sostenendola». Lo scrive il cardinale Giuseppe Betori nel saluto di benvenuto a Papa Francesco, nel fascicolo speciale distribuito insieme a Toscana Oggi.

Giovedì 15 giugno alle ore 20.30 in cattedrale il cardinale Giuseppe Betori presiederà la celebrazione eucaristica in occasione della solennità del Corpus Domini. Al termine della Messa, la processione uscirà dalla Cattedrale per fare il giro intorno al Duomo e poi raggiungere la basilica di San Lorenzo, dove ci sarà la benedizione eucaristica conclusiva.

Don Giulio Facibeni è tornato a casa: riposa nella cappella in via delle Panche, cuore dell’Opera Madonnina del Grappa, dove tante volte ha celebrato la Messa. La salma di don Facibeni è stata trasferita in questi giorni dal cimitero di Rifredi: il momento per visitare questa nuova sepoltura sarà lunedì 12 giugno quando, nella Giornata del ricordo» di don Facibeni, ci saranno una serie di iniziative che culmineranno con la Messa celebrata alle 18 proprio nella cappella dell’Opera, presieduta dal cardinale Giuseppe Betori e concelebrata dai preti dell’Opera e del vicariato di Rifredi.

Le prime misure relative alla sicurezza e alla viabilità della zona di Barbiana sono state definite dal comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica, che si è riunito stasera a Palazzo Medici Riccardi,  alla presenza del cardinale Giuseppe Betori, del comandante della Gendarmeria Vaticana, Domenico Giani, delle autorità di pubblica sicurezza presso la Santa Sede, il prefetto Gianfelice Bellesini e la dirigente Maria Rosaria Maiorino.

È stato presentato oggi nella Basilica della Santissima Annunziata, a Firenze, il restauro, finanziato da Friends of Florence, del grande Crocifisso ligneo policromo dei Sangallo (Antonio o Francesco, inizi XVI secolo) di proprietà dell’antica Accademia delle Arti del Disegno, fondata nel 1563 da Cosimo I de’ Medici e Giorgio Vasari nel nome di Michelangelo.

Stamani Papa Francesco ha ricevuto in udienza il cardinale Angelo Amato, Prefetto della Congregazione delle Cause dei Santi, e autorizzato la promulgazione di una serie di decreti. Tra questi uno riguarda l'arcivescovo di Firenze, il cardinale Elia Dalla Costa. Il card. Giuseppe Betori ha espresso la gratitudine al Papa della Chiesa fiorentina.