Firenze
stampa

Capannucce in città, la lettera del cardinale Betori: «Cresca il desiderio di incontrare Gesù»

Un invito all’incontro con Gesù come risposta ai falsi modelli della modernità e a rileggere i Vangeli arriva dal Cardinale Giuseppe Betori nella sua lettera ai bambini e ragazzi in occasione della XV edizione di Capannucce in Città, la manifestazione nata per riportare Gesù al centro del Natale.

Percorsi: Betori - Presepi
Capannucce in città, la lettera del cardinale Betori: «Cresca il desiderio di incontrare Gesù»

«Care bambine, cari bambini, oggi il mondo ha bisogno del presepe. La realtà in cui viviamo - scrive l’Arcivescovo di Firenze- ci mostra guerre, divisioni, povertà. L’uomo ha bisogno di sapere che in tutto questo Dio non ci lascia soli. È importante ricordarlo, in una società che tenta di allontanare Dio come se fosse una presenza ingombrante. Facendo il presepe, voi invece rendete visibile la verità della nostra fede: Dio ha assunto le fattezze di un bambino per condividere in tutto, tranne che nel peccato, la nostra condizione umana. E così facendo ci ha mostrato il vero volto dell’uomo: un volto di sapienza e misericordia, a cui dobbiamo cercare di somigliare, superando le finzioni dietro cui a volte ci nascondiamo e fuggendo dai modelli che altri vorrebbero imporci.
Mi auguro che fare il presepe faccia crescere in voi il desiderio di incontrare Gesù. Se volete conoscerlo meglio, approfondendo l’amicizia con lui, vi invito a farlo attraverso la lettura dei vangeli: magari aiutati da chi prima di voi ha già fatto questo incontro e può accompagnarvi in questo bellissimo cammino».

La manifestazione: l'abate Bernardo Gianni nuovo presidente del comitato organizzatore

«Capannucce in Città» compie 15 anni e si rinnova. Padre Bernardo Maria Gianni, abate della comunità benedettina di San  Miniato al Monte, è il nuovo presidente del comitato organizzatore, raccogliendo il testimone del professor  Paolo Blasi che per dieci anni  ha guidato la manifestazione con passione e sensibilità.  Un cammino di fede, quello dell’abate Bernardo, iniziato proprio una notte di Natale di 25 anni fa quando quel Gesù  venuto al mondo come bambino accese in lui la luce della conversione. «...questo sodalizio - scrive nella lettera con cui si presenta in questo nuovo ruolo di presidente di «Capannucce in città» - raccoglie esperienze e sensibilità diverse accomunate tutte dal desiderio di risvegliare in ogni cuore la percezione che il Natale è la festa in cui l’umanità è invitata ad accogliere il dono supremo del Padre: l’Unigenito Figlio Gesù Cristo che nasce per noi e come ciascuno di noi». «Ci ricorda tutto questo - prosegue l’Abate - l’umile presenza dei presepi nelle nostre case, nelle nostre Chiese e possibilmente laddove la luce di Bethlemme può dissolvere l’oscurità di tante nostre strade e piazze cittadine. San Francesco ci ha insegnato quanta sapienza teologica manifesti al mondo la letizia di chi si affretta a creare un presepio: la semplicità del gesto rivela l’assoluta grandezza del nostro Dio che pur di salvarvi non esita a farsi piccolo! Che questo misterioso e irrinunciabile doni torni ad entusiasmare tutti, grandi e piccini, per vivere con stupore evangelico la grazia dei santi giorni di Natale».
Resta nel suo ruolo di segretario Mario Razzanelli, fondatore di Capannucce in Città insieme a Cesarina Dolfi.  Oltre a Paolo Blasi,  fanno parte del comitato anche Cesarina Dolfi, Giorgio Fozzati, Riccardo Bigi, Elaine Poggi  e Carmelina  Rotundo. Elaine Poggi si occupa di portare le Capannucce nel mondo e nelle vetrine dei negozi fiorentini.
Sono oltre 25 mila i bambini premiati in 14 anni di Capannucce in Città e tante già le iscrizioni che stanno arrivando per l’edizione 2016. Possono partecipare anche gli artigiani e negozianti addobbando la loro vetrina con un presepe. L’ iscrizione per tutti è gratuita: i parroci o i docenti delle scuole potranno inviare una mail alì’indirizzo a capannucceincitta@gmail.com entro il 24 dicembre indicando nome e cognome di tutti i bambini partecipanti. In alternativa si può compilare il modulo di iscrizione sul sito www.capannucceincitta.com dove sono riportate tutte le informazioni. Sul sito come sulla pagina Facebook di Capannucce in Città verranno pubblicate le foto dei presepi che i bambini, le parrocchie e le scuole invieranno. L’iscrizione è aperta anche alle singole famiglie.
Tutti i partecipanti saranno premiati allo stesso modo nella cerimonia del 5 gennaio alle ore 16 nella chiesa di San Gaetano (via Tornabuoni) a Firenze. Riceveranno una piccola natività dell’azienda Agape e un diploma personalizzato. La cerimonia sarà allietata dai canti natalizi del Piccolo Coro del Melograno diretto da Laura Bartoli. L’evento è realizzato grazie al supporto della Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze e la ditta Armando Poggi Srl e in collaborazione con Toscana Oggi.
Info: tel. 338.7285944,
www.capannucceincitta.it

Capannucce in città, la lettera del cardinale Betori: «Cresca il desiderio di incontrare Gesù»
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento