Lucca
stampa

Lucca, Santa Croce 2015: il segno e la tradizione

Un gruppo di profughi, accompagnati da volontari che si occupano di loro, sarà presente nel corteo della Luminara. Un segno importante che l’arcivescovo Italo Castellani ha voluto dare ancora una volta per l’accoglienza e la fraternità.

Lucca, Santa Croce 2015: il segno e la tradizione

La presenza alla Luminara di un gruppo di profughi accolti nel territorio lucchese, accompagnati dai volontari delle associazioni che si occupano di loro, è il segno che qualifica la Santa Croce 2015.

La Luminara, che quest’anno cade domenica 13 settembre, accoglie da sempre tutta la società lucchese, il suo corteo nei secoli è stato specchio fedele di ciò che avviene sul territorio. Oggi, la presenza sul territorio dei profughi e di tante realtà e singoli cittadini che di loro si occupano, è un’importante manifestazione di accoglienza e di solidarietà che, in un’occasione come questa, l’arcivescovo Italo Castellani come tutte le associazioni di volontariato hanno voluto rimarcare, perchè qualifica la sensibilità della popolazione.
Il gruppo, di volontari e profughi, sarà al termine della parte religiosa del corteo, prima di quella civile.

Accanto a questo segno, anche quest’anno come da tradizione non mancheranno le parrocchie, divise per Zone pastorali, nella parte religiosa della Luminara che inizierà alle ore 20 dalla basilica di San Frediano. A questa parte saranno presenti anche le confraternite, i terz’ordini, le religiose e i religiosi, i Cavalieri del Santo Sepolcro e dell’Ordine di Malta, il Capitolo della cattedrale e infine l’arcivescovo.

A seguire, dopo il gruppo di volontari e profughi, ci sarà la parte civile della Luminara, con tutte le autorità e subito dopo i rappresentanti dei vari corpi sociali della città e della provincia di Lucca. Le tante associazioni, i movimenti e le variegate realtà che animano la vita sociale, culturale del territorio.
A chiudere il lungo corteo, la parte storica folkloristica, con i figuranti in costume medievale.

Come sempre, le preghiere conclusive della Luminara e l’esecuzione del Mottettone (quest’anno «Alleluia! Annunziate a tutte le genti», composto dal compianto Maestro Marino Pratali per la Santa Croce del 1976), si svolgeranno all’interno della cattedrale di San Martino dove l’arcivescovo farà anche una breve allocuzione.

La festa liturgica dell’Esaltazione della Santa Croce è, ovviamente, lunedì 14 settembre. La messa solenne viene presieduta da mons. Italo Castellani alle ore 10.30 in Catedrale.

Ricordiamo infine che l’Opera sociale della Santa Croce 2015 è dedicata al sostegno scolastico ai bambini in povertà economica.

Lucca, Santa Croce 2015: il segno e la tradizione
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento