Lucca
stampa

Terremoto: la Chiesa di Lucca abbraccia la Garfagnana

Ogni anno, la domenica che precede la festa della Santa Croce nelle chiese della diocesi vengono raccolte le offerte per sostenere un’opera sociale, di solidarietà, che unisca tutte le comunità per un unico obiettivo. L'8 settembre tutte le parrocchie abbracceranno la Garfagnana.

Terremoto: la Chiesa di Lucca abbraccia la Garfagnana

Quest’anno, domenica 8 settembre, si raccolgono offerte per affrontare alcune realtà di disagio venutesi a creare in Garfagnana, a seguito delle scosse di terremoto. L’opera diocesana per la Santa Croce 2013 s’intitola infatti «La Chiesa di Lucca abbraccia la Garfagnana».

Sarà la Caritas diocesana insieme ai presbiteri e ai loro collaboratori laici che vivono sul posto ad individuare gli interventi più urgenti a favore di famiglie in disagio.

«Per la nostra Chiesa lucchese questo gesto di solidarietà diventa espressione di quell’amore a cui ci spinge il Cristo che sulla croce contempliamo con le braccia aperte e accoglienti per tutti» dice, a proposito di questa iniziativa, l’arcivescovo Italo Castellani.

Attraverso quanto raccolto e in base alle esigenze che emergeranno nel dialogo tra Caritas diocesana e le parrocchie della Garfganana: sarà possibile alleviare le difficoltà di quelle famiglie che già erano entrate in una spirale di disagio e impoverimento; potrà essere valutato il finanziamento di lavori di messa in sicurezza di edifici danneggiati; infine sarà possibile creare piccoli momenti di incontro, svago e animazione per i bambini e gli anziani, in modo da aiutarli in questi momenti di tensione e preoccupazione.

Anche noi di LuccaSette-ToscanaOggi invitiamo pertanto tutti, per quanto ognuno può, ad un surplus di generosità.

Terremoto: la Chiesa di Lucca abbraccia la Garfagnana
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento