Prato
stampa

Benvenuti, frati minori

La Comunità dell’Ascensione al Pino festeggia l’ingresso dei padri francescani e la nascita in parrocchia della Fraternità internazionale. Oltre cinquecento persone, il pomeriggio di domenica 20 settembre, si sono ritrovate nella chiesa di via Galcianese per questo significativo «passaggio di consegne» tra don Paolo Baldanzi - che ha guidato i fedeli di via Galcianese per oltre sedici anni - e i frati dell’Ordine francescano minore, padre Roberto Bellato - nuovo parroco dell’Ascensione -, padre Alessio Prosperi e padre Paolo Hou, che accompagnerà i cattolici orientali.

Parole chiave: ascensione (1), il pino (1), francescani (50), frati (7), parrocchia (4)
I frati che guideranno la parrocchia dell'Ascensione

La Comunità dell’Ascensione al Pino festeggia l’ingresso dei padri francescani e la nascita in parrocchia della Fraternità internazionale. Oltre cinquecento persone, il pomeriggio di domenica 20 settembre, si sono ritrovate nella chiesa di via Galcianese per questo significativo «passaggio di consegne» tra don Paolo Baldanzi - che ha guidato i fedeli di via Galcianese per oltre sedici anni - e i frati dell’Ordine francescano minore, padre Roberto Bellato - nuovo parroco dell’Ascensione -, padre Alessio Prosperi e padre Paolo Hou, che accompagnerà i cattolici orientali.
Alla celebrazione, oltre ai tanti fedeli, hanno partecipato numerosi frati dell’ordine, provenienti da tutta la Toscana e non solo, il ministro provinciale dei frati minori Guido Fineschi e mons. Marco Dino Brogi, nunzio apostolico e arcivescovo titolare di Città Ducale. Per la diocesi di Prato il vicario generale, mons. Nedo Mannucci, il cancelliere, can. Daniele Scaccini, il vicario per i migranti, mons. Santino Brunetti, e diversi sacerdoti del vicariato ovest. Il vescovo Franco ha presieduto la funzione. «Come frati minori eravamo presenti a Prato nella chiesa di San Domenico, - spiega all’inizio della messa d’ingresso padre Fineschi - ma abbiamo dovuto lasciare la presenza per mancanza di forze. Eppure, nell’ottica di un rinnovo, dopo l’esperienza in via Donizetti, abbiamo accolto l’appello del Vescovo di un servizio più pastorale, prendendo la guida di questa parrocchia. Vogliamo essere segno francescano e strumento di pace e unità all’interno non solo della parrocchia, ma anche della diocesi e della città: non a caso questa chiesa è sede della cappellania cattolica cinese e anche in questo apostolato ci impegneremo». Ai piedi dell’altare, padre Roberto, che nel rito ha ricevuto dal Vescovo l’acqua benedetta, l’incenso e infine la sede, da cui predicherà la parola. Don Paolo Baldanzi ha invece consegnato al proprio successore le chiavi della chiesa, quella del tabernacolo e una stola. «Questo è un progetto - ha spiegato mons. Agostinelli durante l’omelia - che non nasce all’improvviso: oggi inizia una avventura bella e impegnativa, che affidiamo al Signore. Il tutto nell’ottica di una Chiesa che accoglie, che dialoga, che fa servizio: bisogna stare in mezzo alla gente, condividere bisogni, gioia e tristezza. Mi auguro che la parrocchia sia un punto di riferimento per i cercatori di Dio, per chi ha bisogno di una speranza, per chi soffre». E il riferimento va anche all’apostolato nei confronti dei cittadini orientali della città: una sfida per vincere la diffidenza e il pressappochismo e costruire, insieme, una strada per l’integrazione e la fraternità. Il presule ha avuto parole di apprezzamento e ringraziamento anche per l’ormai ex parroco don Paolo, che i fedeli hanno omaggiato con un lungo applauso.
Dopo la messa tutti a far festa insieme nel salone del centro pastorale: italiani e orientali, vecchie e nuovi parrocchiani, con la famiglia francescana. Tanti i sorrisi e gli auguri ai padri Roberto, Alessio e Paolo. «Ci sono tre cose che non vi farò mai mancare, - ha detto proprio il nuovo parroco, padre Roberto Bellato, a tutta la comunità, sia in lingua italiana che cinese - ossia l’Eucarestia e il dono della Parola, il sacramento del Perdono, la preghiera quotidiana per voi. Per tutto il resto cammineremo insieme, porteremo i pesi e condivideremo le gioie, nell’ottica di una comunità bella e unita, in cui non esistono distinzioni e disuguaglianze».

Benvenuti, frati minori
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento