Prato
stampa

Il Vescovo: «Non solo pizza per i giovani»

Mons. Agostinelli è intervenuto alla riunione delle aggregazioni giovanili. «La Pastorale Giovanile è il futuro», ha affermato mons. Agostinelli in apertura della riunione della Consulta di Pastorale Giovanile tenutasi nei giorni scorsi ed ha aggiunto: «Qui la Chiesa misura la propria capacità di annunciare il Vangelo».

Percorsi: Franco Agostinelli
Parole chiave: pastorale giovanile (34), giovani (503), vescovo (16)
Giovani

«La Pastorale Giovanile è il futuro», ha affermato mons. Agostinelli in apertura della riunione della Consulta di Pastorale Giovanile tenutasi nei giorni scorsi ed ha aggiunto: «Qui la Chiesa misura la propria capacità di annunciare il Vangelo». Ha poi ricordato che: «Dobbiamo rispondere alle attese della nostre comunità, infatti la Chiesa pratese ci ha consegnato un piano pastorale in cui al primo punto c’è l’attenzione ai giovani». Il Presule ha poi precisato che «un ufficio diocesano non vive per se stesso, per fare gruppo da sé, per togliere iniziative alle parrocchie, ma per aiutarle, sostenerle e fare proposte». Ed ha quindi sottolineato l’importanza della Consulta come organismo di programmazione della Pastorale Giovanile diocesana, invitando a farvi partecipare anche ragazzi più giovani, in modo che possano dare suggerimenti e consigli dal loro punto di vista. Alcuni ragazzi giovani e volenterosi saranno peraltro inseriti anche nell’equipe diocesana di Pastorale Giovanile, per dare anche un contributo operativo.
Altra indicazione della Comunità, precisata nel Piano Pastorale, è la formazione. «È impensabile - ha proseguito il Vescovo - una pastorale che si riduca alla pura e semplice aggregazione sociale. Non basta la messa domenicale come formazione. Occorre una seria e robusta formazione ed una fondata esperienza di fede». Ribadisce il pensiero di mons. Agostinelli anche don Alessio Santini, responsabile dell’ufficio diocesano per la Pastorale Giovanile. «La formazione - spiega - non va confusa con le iniziative (quelle che il Vescovo ha definito "pastorale della pizza"), che possono servire da collante ma non devono costituire il cuore del percorso parrocchiale. Occorre costruire un itinerario fondato sulla Parola di Dio e sulla vita sacramentale da percorrere con i giovani». Il Vescovo si è soffermato anche sulla formazione degli educatori, che ha precisato, deve essere «permanente, perché non si dà quello che non si ha!».
Per i percorsi formativi nelle parrocchie, la Pastorale Giovanile ha preparato, come ogni anno, un piccolo sussidio intitolato «Oggi devo fermarmi a casa tua», che, a partire dai messaggi del Papa a Cracovia, comprende 6 schede con Parola di Dio, commento, brano del Papa, domande per la riflessione personale e dinamiche di gruppo. I sussidi, strumento flessibile che ogni parrocchia può utilizzare a seconda delle proprie esigenze, si possono ordinare via email, scrivendo a: pratogiovani@gmail.com.
La prossima riunione della Consulta è convocata per martedì 22 novembre alle ore 21, in palazzo vescovile.

Il Vescovo: «Non solo pizza per i giovani»
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento