Dalla Valle del Serchio al mare

stampa

Nel centenario della sua nascita mostra dedicata a Rinaldo Biagionie al suo amore per la sua terra. Realizzata con il sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca, la mostra celebra con 90 opere tra pitture, sculture e disegni la passione che Biagioni metteva nel raccontare Barga e la Valle del Serchio.

Le opere. Sono i classici temi pascoliani, come la natura, il lavoro nei campi e i paesaggi della Valle del Serchio a caratterizzare i dipinti a olio di Biagioni, scultore e pittore barghigiano erede di quella scuola di pittori locali che con amore raccontavano il territorio, come Alberto Magri, Giovan Battista Santini e Bruno Cordati. L’artista, protagonista di numerose mostre estemporanee fino agli anni Sessanta, si differenzia però dai suoi contemporanei per una più ampia rosa di scelte pittoriche.

Ricercatore instancabile, l’artista dopo gli studi compiuti all’Accademia di Brera a Milano ha insegnato anche a Ravenna, prima di essere trasferito nel 1958 al liceo scientifico di Castelnuovo Garfagnana.Tornato nella Valle del Serchio, Biagioni si dedicherà alla creazione di numerosi bassorilievi in legno e pietra, alcuni dei quali andranno ad ornare le scuole di Barga e di Pieve Fosciana, dove è ancora visibile l’opera realizzata negli anni Cinquanta.

La mostra. Realizzata grazie alla documentazione e al contributo forniti dal figlio di Rinaldo Biagioni, Raffaele, la mostra ripercorre attraverso sette sezioni i temi dell’artista: la prima sezione è dedicata alle vedute di Barga, mentre nella seconda si affrontano temi religiosi, con opere come la “Deposizione” o la “Natività”  e opere di ritrattistica, care a Biagioni. Tra queste da ricordare anche la “Ricamatrice”, tema ricorrente e caro a tutti gli autori della Valle del Serchio, riproposto anche dai predecessori di Biagioni, da Adolfo Balduini a Giovan Battista Santini.

Protagonista della terza sezione è la natura morta, dove sono evidenti gli studi compiuti da Biagioni sulla composizione e la stesura del colore. Bassorilievi e dipinti di piccole dimensioni dedicati alla campagna e ai temi rurali compongono invece la quarta sezione. Anche i disegni del periodo ravennate trovano spazio nella mostra, insieme ai soggetti marinari legati all’attività portuale, dai marinai alle imbarcazioni. La mostra si conclude con alcuni dei dipinti premiati ai numerosi concorsi e ai quali Rinaldo Biagioni era particolarmente affezionato, come “Il Porto”,vincitore del “Premio Triglia d’Oro” del 1955.

La mostra si completa poi con alcuni quadri della produzione più tarda, documenti e disegni realizzati durante gli anni dell’insegnamento, oltre a sculture in gesso e terracotta realizzate tra gli anni Quaranta e Cinquanta.

SEDE: Fondazione Ricci Onlus, Via Roma, 20 – Barga (Lucca)

ORARIO: il martedì dalle 9 alle 12 e dal venerdì alla domenica dalle 16 alle 19

INGRESSO: libero

INFO: tel. 0583/724357; fondricci@iol.it; www.fondazionericcionlus.it