Il Medioevo in viaggio

stampa

La mostra è in collaborazione con i musei appartenenti al Réseau des Musées d’Art Médiéval, nato nel 2011, che hanno messo a punto, lavorando insieme, un progetto espositivo che valorizzasse le reciproche raccolte d’arte attorno a un tema specifico: «Il Medioevo in viaggio», tema largamente discusso e studiato ma del quale si hanno poche testimonianze di cultura materiale.

Cinque le sezioni della mostra. La prima sezione affronta, attraverso una selezione di carte e piante geografiche dal XII al XV secolo (ma anche del primo globo celeste esistente), i confini del mondo conosciuto e la visione che se ne aveva nel Medioevo.

La seconda è sulla «salvezza dell’anima: pellegrini, predicatori, chierici». I pellegrinaggi erano infatti la causa apparente più rilevante di questo moto di massa che ha attraversato l’Europa nei secoli centrali del Medioevo. La sezione intende illustrare le tipologie dei pellegrini medievali, il loro «corredo» di viaggio (esemplari di scarpe, vesti, strumenti…), le loro insegne distintive a seconda delle mète raggiunte: per lo più, i grandi santuari d’Europa (placchette di pellegrinaggio).

La terza sezione è «La guerra: crociate, cavalieri, spedizioni militari», evocato da alcune testimonianze dirette del viaggio dei crociati, di stretta rilevanza storica, provenienti dal Museo di Cluny, come la croce pettorale dei cavalieri della prima Crociata (1096-1099). I viaggi per terra e per mare sono documentati inoltre da una sezione di piccoli oggetti devozionali, testimoni della circolazione di memorie di pellegrinaggio e di reliquie, di doni e souvenir della Terra Santa.

Quarta sezione: «Il viaggio di affari: mercanti, banchieri, messaggeri». In questa sezione, di stampo prettamente laico, sono esposti i tipi di viaggio «di affari» svolti per commercio e per mercato, ma anche per missioni politiche, da categorie che potremmo dire di professionisti itineranti (diplomatici, ambasciatori, ecc.).

Quinta e ultima sezione: «Il viaggio di immagine: le corti in movimento», ovvero le periodiche trasferte del sovrano o del signore nei suoi possedimenti, col suo seguito di dignitari e il suo fastoso corredo da viaggio (a sottolineare la visibilità politica e sociale) per confermare la propria autorità e garantire l’ordine.

SEDE: Museo nazionale del Bargello - Via del Proconsolo - Firenze

ORARIO: in occasione della mostra: Lunedì – Domenica ore 8.15 - 17.00; Chiusura: 1°, 3° e 5° lunedì di ogni mese 

INGRESSO: Intero € 7.00; Ridotto € 3.50

INFO: Firenze Musei, Tel: 055 294883