L’urlo dell’immagine. La grafica dell’espressionismo italiano

stampa

Evento alla Galleria d’arte moderna e contemporanea (Gamc) che ha sede nel Palazzo delle Muse di Viareggio. Vi è infatti visitabile la mostra «L’urlo dell’immagine» che comprende 120 opere di artisti espressionisti italiani che hanno eseguito nel ventennio iniziale del secolo scorso, cioè avanti durante e dopo la prima guerra mondiale. E non è certamente un caso che una parte consistente di questa rassegna sia stata dedicata a Lorenzo Viani, che di questa corrente figurativa è stato uno dei principali seguaci nel nostro paese. Accanto comunque alle opere di Lorenzo Viani, nelle sale della «Gamc» sono esposte – fra le altre – quelle di Moses Levy, Domenico Baccarini, Adolfo Balduini, Ugo Caselli, Umberto Boccioni, Anselmo Bucci, Felice Casorati, Arturo Martini e Guido Marussig: cioè a dire il fior fiore dei pittori che all’epoca dettero forma e consistenza grafica e xilografica a questa corrente espressionista che ebbe enorme rilevanza in campo nazionale.

L’urlo dell’immagine – realizzata dal Comune di Viareggio con il determinante sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca – è stata curata da Alessandra Belluomini Pucci, direttrice dalla «Gamc», e da Marzia Ratti, e si presenta come il raggiungimento di un obiettivo capace di mettere in giusta luce una pagina importante, e fino ad ora poco conosciuta, dell’arte figurativa italiana. In effetti, le opere grafiche e xilografiche che si possono ammirare nelle sale della Galleria, tendono soprattutto a dimostrare che anche da noi la corrente espressionista ebbe una notevole importanza sul piano figurativo, anche se non raggiunse le vette di quella avuta sia in Francia che in Germania. Accompagna questa mostra un esaustivo catalogo – dato alle stampe presso «Allemandi & C» di Torino – edito a cura delle due curatrici, in cui – nella presentazione – si afferma che «la scelta di osservare il fenomeno attraverso l’incisione e “maxime”, la xilografia, è derivata dal peso culturale che tali tecniche hanno assunto nel clima espressionista italiano, a partire dal primo decennio del Novecento per giungere a risultati più estesi e potenti nel secondo, complice la caduta delle illusioni della prima Grande Guerra». Da qui l’importanza e l’unicità di questa mostra che rimarrà aperta fino al 28 dicembre per permetterne la visita non solo al pubblico autunnale e invernale, quanto alle scolaresche di ogni ordine e grado.

Una mostra che nel suo complesso dimostra quanto sia stata forte, fra l’altro, l’impronta di Lorenzo Viani nel settore della grafica e della xilografia, perché in pochi tratti decisi e quanto mai «urlati» – appunto – riesce compiutamente ad esprimere in piccolo, quanto poi sarà capace di fare nelle sue grandi opere, che forse non esisterebbero se non partissero proprio da quanto esposto nelle sale della «Gamc». L’Urlo delle immagini, almeno per ciò che riguarda le opere di Lorenzo Viani, è stata realizzata grazie alla collaborazione della Banca Monte Paschi di Siena attraverso la «Collezione Fini», detentrice della maggior parte delle sue xilografie.

Mario Pellegrini

SEDE: Galleria d’arte moderna e contemporanea Lorenzo Viani - Piazza Mazzini, Palazzo delle Muse, Viareggio (LU)

ORARIO: dal martedì alla domenica dalle 15.30 alle 19.30, lunedì chiuso

INGRESSO: 3 euro, ridotto 1,5 euro

INFO: e-mail: gamc@comune.viareggio.lu.it - Tel.0584-581118 - sito web: www.gamc.it