La Divina Commedia di Venturino Venturi

stampa
Parole chiave: mostre (171)

La mostra vuole, attraverso l’opera di Venturino Venturi e Mario Luzi–protagonisti della scena artistica e letteraria del Novecento e legati da una grande amicizia – raccontare l’idea di una Divina Commedia contemporanea. I due, profondamente toscani di nascita e anche di cultura, ritenevano importante rapportarsi con la Divina Commedia di Dante o meglio, per usare le parole di Luzi, con “lo spirito ascetico e il criterio cosmologico che la fanno divampare, il naturale e il soprannaturale” del poema stesso.

Nasce così un viaggio all’interno dell’universo dantesco – accompagnati anche da Buzzi coinvolto nella selezione delle terzine dantesche – lungo il quale Venturi rinnova l’espressione dei personaggi e delle storie. Particolarmente intense sono le tavole dedicate al Paradiso: Luzi scrisse che Venturi aveva «condotto mirabilmente, tra chiari volumi, luminose assenze di volume, tracce, aggregazioni, e rarefazioni di segni, la sua schermaglia contro il limite, contro l'insufficienza umana del mezzo che insegue per catturarlo il linguaggio della luce, della danza, della assoluta quiete contemplativa […].” M. Luzi, Se Venturino incontra Dante, in La Nazione, Firenze, 20 dicembre 1984.

SEDE: Villa Bardini, Costa San Giorgio 2 - Firenze

ORARIO: da martedì a domenica, dalle 10.00 alle 19.00 (ultimo ingresso alle ore 18.00). Lunedì chiuso. Visite guidate gratuite ogni sabato e domenica, alle ore 16.30 e 17.30

INGRESSO: gratuito

INFO:  +39 055 20066206 (dal lunedì al venerdì, ore 9.30 – 17.30) - +39 055 2638599 (sabato e domenica, ore 10.00 – 19.00) - info@bardinipeyron.it - www.bardinipeyron.it

CATALOGO: Edizioni Polistampa Firenze, 28 euro

Media Gallery

Venturino Venturi Divina Commedia_1