Premio Leonardo Sciascia «amateur d’estampes»

stampa

Sono ventinove le incisioni che partecipano all’ottava edizione (2015-2016) del Premio Leonardo Sciascia amateur d’estampes. Dopo la mostra di Palermo (Fondazione Whitaker) il Premio raggiunge Firenze dove alla Fondazione Il Bisonte, partner storico della manifestazione incisoria sciasciana è possibile ammirare le 29 opere in concorso.

Sono altresì esposte quattordici opere tra le più rappresentative di uno degli esponenti più originali della grafica d’arte del Novecento al quale è dedicata l’edizione del Premio di quest’anno: Luigi Bartolini, artista marchigiano scomparso nel 1963, uno tra i più amati e collezionati da Leonardo Sciascia. Del Premio Sciascia e della passione nutrita dallo scrittore per le arti figurative se ne parlerà nel corso della vernice al Bisonte. Oltre a Rodolfo Ceccotti e Simone Guaita che faranno gli onori di casa assieme a Francesco Izzo degli Amici di Sciascia, interverranno Alessandro Tosi, direttore del Museo della Grafica di Pisa, Giorgio Marini del Gabinetto Disegni e Stampe degli Uffizi e Luciana Bartolini

Nato nel 1998 per iniziativa dell’associazione non-profit Amici di Leonardo Sciascia (www.amicisciascia.it) il Premio Sciascia si è andato affermando tra i maggiori appuntamenti della grafica d’arte contemporanea, con una enfasi particolare sullo stretto rapporto tra incisione e letteratura. Al Premio si accede solo per invito degli Amici di Leonardo Sciascia mentre il giudizio finale sulle opere è affidato ad una giuria di sei artisti particolarmente apprezzati da Leonardo Sciascia: Piero Guccione, Carla Horat, Edo Janich, Giuseppe Modica, Roberto Stelluti, Gaetano Tranchino. In precedenza Luisa Adorno, Eduardo Arroyo, Bruno Caruso, Rodolfo Ceccotti, Domenico Faro, Federica Galli, Gian Franco Grechi e Nunzio Gulino, si sono avvicendati in giuria. La pausa seguita all’edizione straordinaria svoltasi in occasione del ventennale della scomparsa di Sciascia (1989-2009) ha portato ad alcune significative innovazioni: la valorizzazione complessiva dei riconoscimenti offerti agli artisti (dal primo premio di 2500 € alle esposizioni itineranti offerte ai primi tre artisti classificati), l’allargamento alla xilografia delle tecniche ammesse al concorso, l’ingresso di nuovi partners espositivi nel comitato promotore della manifestazione. Al termine di un ciclo di cinque esposizioni (Palermo, Firenze, Fabriano, Venezia e Milano) tutte le incisioni in concorso entrano, come per le edizioni precedenti, a far parte del patrimonio della Civica Raccolta di Stampe «Achille Bertarelli», nel Castello Sforzesco della città di Milano da cui a dicembre 2010 l’Associazione Amici di Sciascia è stata premiata alla Giornata del Benefattore “per aver contribuito, con il suo dono ai musei civici, ad arricchire il prestigio internazionale della città”.Anche per questa edizione del Premio Sciascia il catalogo, in tiratura limitata, è stato curato da Francesco Izzo ed edito da Angelo Scandurra per i tipi de Il Girasole di Valverde (Catania) e contiene la riproduzione di tutte le opere in concorso e fuori concorso, accompagnate da un’introduzione di Lorenza Salamon e un saggio di Lavinia Spalanca oltre che da un breve profilo di ogni artista.

SEDE: Fondazione Il Bisonte, via S. Niccolò, 24r - Firenze

ORARIO: lunedì - venerdì 9-13/15-19 

INGRESSO: libero

INFO: www.amicisciascia.it