Renato Alessandrini 1919-1991

stampa

Importante retrospettiva, curata da Domenico Viggiano, dedicata al pittore Renato Alessandrini. Le opere esposte, una sessantina di dipinti a olio oltre ad alcuni disegni e acqueforti, provengono dalla casa-studio dell’artista, e costituiscono una selezione rappresentativa della sua lunga carriera.

Alessandrini (Empoli, 1919 - Firenze 1991) inizia a dipingere fin dai primi anni della fanciullezza sotto la guida del padre, pittore e incisore. Nel 1937 consegue il diploma del Corso Superiore di Arti Grafiche dell’Istituto d’Arte di Firenze. Nel 1940 comincia a esporre e l’anno successivo vince il concorso per un affresco da eseguire nel Salone Centrale della Biennale Internazionale di Venezia. Dopo la chiamata alle armi, nel 1949 riprende l’attività a Firenze, dove stabilisce il suo studio, e partecipa a mostre in Italia e all’estero. Le sue personali di pittura e incisione sono presentate da critici come Alessandro Parronchi, Mario Luzi, Luciano Berti. Nel 1962 è nominato Accademico ordinario della Classe di Incisione dell’Accademia delle Arti del Disegno di Firenze, e nel 1989 Accademico ordinario della Classe di Pittura della stessa Accademia. Sue opere si trovano alla Galleria degli Uffizi, alla Galleria di Arte Moderna di Palazzo Pitti, al Museo della Basilica di Santa Croce, al Museo di Cracovia.

SEDE: Sala mostre dell’Accademia delle Arti del Disegno - via Ricasoli 68, angolo piazza San Marco – Firenze

ORARIO: dal martedì al sabato 10-13 e 17-19; domenica 10-13.

INGRESSO: libero

CATALOGO: Polistampa