Italia

Italia stampa

Un altro mondo è possibile». È la certezza che si è sviluppata nei giorni scorsi al secondo Forum sociale mondiale di Porto Alegre, capitale dello Stato di Rio Grande do Sul (Brasile). Una certezza questa condita da alcuni ingredienti emersi al Forum, quali: «la solidarietà, la giustizia, l'uguaglianza e la libertà».
DI VINCENZO CORRADO

In Toscana uno su quattro non ce la fa. Ogni quattro gestazioni, una si conclude con un aborto. È ragionando su questi dati che il capogruppo del Ccd in Consiglio regionale ha rivolto un'interrogazione urgente sull'attuazione in Toscana della prima parte della legge 194, e ha proposto una apposita legge regionale.

Nei documenti del Magistero non mancano i richiami alla sobrietà e alla giustizia. Ma come tradurli in gesti quotidiani? Se ne è parlato nel corso di un seminario tenutosi a Contea, organizzato dagli uffici missionari e dalle Caritas della Toscana.
DI FRANCESCO PALETTI
%%I «Bilanci di Giustizia» per imparare a consumare
rendere nota mensilmente dei propri consumi, per imparare a spendere meglio. È questo il succo dell'operazione «Bilanci di Giustizia», un'iniziativa lanciata a Verona nel '93 dal movimento Beati Costruttori di Pace. La proposta si rivolge soprattutto alle famiglie; richiede di diventare soggetti attivi di scelte quotidiane, imparando a esercitare in modo critico e consapevole il proprio potere di consumatori. La segreteria nazionale dei Bilanci di Giustizia è a Marghera (Ve) in
via Trieste 82, tel. 041/5381479; in Toscana si può contattare Enrico Pezza (055/225914)
o Simone Cecconi (055/8819814).
Maggiori informazione su internet nel sito di Bilanci di Giustizia

I vescovi toscani hanno dedicato una loro Nota pastorale ai temi della magia e della divinazione, mettendo in guardia i fedeli da queste pratiche. Anche Giovanni Paolo II nel Te Deum del 2001 ha invitato i cristiani a non cercare di conoscere il futuro. E sul fronte della scienza 186 scienziati di fama mondiale hanno firmato nel 1975 una Dichiarazione contro queste credenze.

Secondo gli addetti ai lavori, sono circa cinquantamila – uno ogni mille abitanti – gli operatori dell'occulto presenti in Italia, capaci di muovere un giro di affari difficilmente stimabile. In questi giorni molti di loro partecipano a Pisa, al Palazzo dei Congressi, per la decima rassegna nazionale «tra sogno, magia e mistero».
DI ANDREA BERNARDINI

Quante probabilità ci sono che 500 milioni di persone abbiano ogni giorno lo stesso destino? Perché gli astrologi non sono tutti ricchi? E perché non contano gli asteroidi e gli altri pianeti... Dieci domande tra il serio e il faceto ai cultori dell'astrologia.

Un popolo di santi, di navigatori e di... credenti nelle stelle. Gli italiani del terzo millennio credono ancora che il loro futuro sia scritto negli astri. Lo conferma un'indagine della Doxa. Un italiano su tre è convinto che gli astri influenzino il destino degli uomini mentre uno su cinque ne ammette comunque una qualche influenza.
DI CLAUDIO TURRINI

Questo sabato la colletta del Banco alimentare davanti ai supermercati toscani. Nel 2000 sono state circa duecentomila le persone che hanno riconsegnato il «sacchetto della solidarietà» avuto all'ingresso di uno dei circa 150 punti vendita coinvolti.
DI MARCO LAPI