Italia
stampa

Fisco e contribuenti

730 «precompilato», una rivoluzione a metà?

Nell’era digitale anche il fisco cambia faccia. Per 20 milioni di italiani il 730 «precompilato» è disponibile on line sul sito dell’Agenzia delle Entrate. Per accedervi occorre il Pin e dev’essere presentato entro il 7 luglio. Un passo avanti verso il contribuente, anche se occorre verificare caso per caso i vantaggi e gli ostacoli introdotti con le nuove procedure.

Percorsi: Fisco - Governo
Bollette e dichiarazione redditi

È scattata l’ora X per il «Fisco 2.0». Dal 15 aprile per 20 milioni di italiani è disponibile il nuovo 730 «precompilato». Dove? On line, e si può visualizzare sul sito dell’Agenzia delle Entrate se ci si è registrati e si è in possesso del Pin (di Fisconline o dell’Inps). Il modello può essere scaricato e stampato, ed entro il 7 luglio deve essere presentato.

«Inversione di marcia». «Finalmente si assiste a un’inversione di marcia con la pubblica amministrazione, che non fa più il controllo a posteriori ma scrive ai cittadini per comunicare loro i rispettivi redditi», ha dichiarato ad «Affari e Finanza» Cristiano Cannarsa, presidente e amministratore delegato della Sogei, la società che gestisce l’anagrafe tributaria (e dunque anche l’operazione 730 precompilato). Già, però l’operazione non è così semplice e immediata. Anche chi non la modifica, infatti, deve verificare e accettare la dichiarazione, pena incorrere in sanzioni per mancata presentazione oppure perdita delle detrazioni fiscali. Nel primo caso rientra chi ha avuto più redditi nel 2014 (ad esempio perché possiede immobili oltre alla prima casa, oppure perché ha avuto più di un lavoro senza aver conguagliato le imposte dovute); nel secondo chi ha da portare in detrazione delle spese di cui il fisco è già a conoscenza (interessi passivi sui mutui, premi di assicurazioni vita e infortuni, contributi previdenziali e assistenziali, come pure crediti d’imposta e rate degli oneri sostenuti per la ristrutturazione della casa o per spese condominiali straordinarie).

Fra internet e i Caf. La presentazione può avvenire on line, oppure attraverso un Caf o un commercialista. E se 500mila contribuenti nelle ultime settimane hanno chiesto un Pin (a cui vanno aggiunti 2 milioni di contribuenti che già usavano Fisconline, ma che probabilmente non rientrano nella «platea» del 730, e 4,5 che hanno un Pin dell’Inps), secondo un sondaggio Confesercenti-Swg solo 1 contribuente su 4 farà da sé, mentre il 47% si rivolgerà al Caf e il 28% al commercialista di fiducia, con un costo medio di 45 euro (fonte «Il Sole 24 Ore«). C’è poi da tener conto che il precompilato 2015 nasce «zoppo» per la mancanza di una serie di dati. Uno su tutti le spese mediche: considerato, però, che il 70% degli italiani usufruisce del 730 proprio per portare in detrazione questo genere di spese, va da sé che altrettante saranno le dichiarazioni da integrare e presentare modificate. «Questo sarà un anno di prova», ha detto Cannarsa, ma è realistico pensare che tale «prova» perdurerà quantomeno anche nella dichiarazione del 2016, dal momento che non è ancora partita la tracciatura delle spese sanitarie. Anche qui, per modificare e presentare la dichiarazione, chi è fiscalmente e tecnologicamente esperto può far da sé (assumendosi la responsabilità di eventuali errori e conservando tutta la documentazione per controlli), oppure – come nel passato – rivolgersi a un intermediario (Caf o commercialista). Con alcune differenze.

Occhio alle differenze. In primo luogo, il visto di conformità dell’intermediario esonera il contribuente da futuri controlli, ma questo porta da subito a un aumento delle tariffe proporzionale alla maggiore responsabilità di questi soggetti, che in caso di loro errore si troveranno a sborsare di tasca propria le tasse non pagate dal contribuente e le relative sanzioni. Se c’è, però, dolo del contribuente (ad esempio perché non ha dichiarato di aver affittato un appartamento, oppure ha dimenticato di esibire un reddito di lavoro), Caf e professionisti se ne lavano – giustamente – le mani e il fisco andrà a bussare direttamente alla porta del cittadino «infedele». In secondo luogo, la maggiore responsabilità dell’intermediario con tutta probabilità si ritorcerà a svantaggio dell’utente in presenza di spese con interpretazioni dubbie. Un caso fra tanti? La ricevuta del medico specialista portata in detrazione senza il bollo (la cui mancanza non dovrebbe inficiare la validità della ricevuta ai fini della detrazione). Gli intermediari che si trovano davanti a una spesa «dubbia» preferiranno escluderla dagli oneri detraibili piuttosto che rischiare una futura contestazione dell’Agenzia delle Entrate.

Costi e benefici. Ancora, non si potrà fare online il 730 congiunto. Nel caso che una coppia abbia necessità della dichiarazione congiunta, dovrà necessariamente rivolgersi – a pagamento – all’intermediario. Infine, tramonta di fatto il 730 «autocompilato«: rimane, infatti, la possibilità di compilare a mano il modello cartaceo, ma la presentazione al Caf per l’inoltro all’Agenzia delle Entrate non sarà più gratuita. Da valutare, quindi, costi e benefici dell’operazione.

730 «precompilato», una rivoluzione a metà?
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento