Italia
stampa

Abolizione reato clandestinità: mons. Perego (Migrantes), decisione corretta

L'abolizione del reato di clandestinità da parte del Senato, che ieri ha approvato un ddl del governo, «è un ritorno ad una corretta lettura dell'immigrazione che guarda al diritto delle persone di migrare e al dovere di rispettare le leggi che regolano l'immigrazione. Senza costruire muri né avere una visione esasperata dell'immigrato come un nemico da cui difendersi». Lo afferma oggi al Sir monsignor Giancarlo Perego, direttore generale della Fondazione Migrantes.

Percorsi: Immigrati

«Da sempre contestiamo una lettura esageratamente securitaria che i decreti sulla sicurezza avevano dato al tema immigrazione - precisa -. Penso che la decisione sia corretta, perché salva la necessità di regolamentare l'immigrazione, quindi l'illecito amministrativo di chi viene in Italia senza permesso di soggiorno senza considerarlo un reato. Tra l'altro c'era stata anche una condanna della Commissione diritti umani europea su questo tema». Il reato, che diventa un illecito amministrativo, assumerà rilievo penale solo nei casi di recidiva (ad esempio una persona espulsa che prova a rientrare). Mons. Perego ne comprende il valore di «cautela» ma invita a «fare valutazioni caso per caso: è importante l'accompagnamento delle persone in condizione d'irregolarità, per conoscere i motivi e verificare se c'è bisogno di tutele, ad esempio a chi è vittima di tratta o di sfruttamento lavorativo e sessuale o a chi fugge da Paesi in guerra».

Sul rischio d'infiltrazioni terroristiche, puntualizza mons. Perego, «spetta alle forze di polizia individuare eventuali aspetti in questo senso ma ricordiamo che non deve mai venir meno la tutela dei diritti di chi sta fuggendo, tramite servizi di accompagnamento alle persone. Abbiamo verificato nel lavoro sul campo di contrasto alla prostituzione che l'accompagnamento sociale diventa anche uno strumento per combattere il crimine». Il ddl provocherà in concreto, secondo il direttore della Migrantes, «uno svuotamento delle carceri e uno snellimento delle pratiche nei Tribunali. Secondo l'Istat tra il 2010 e il 2011 gli stranieri in carcere per il reato di immigrazione clandestina erano fortemente diminuiti, passando da 4.103 a 2.329 (su una popolazione carceraria oggi di circa 64.000 persone), anche a seguito delle modifiche legislative all'articolo 14 legge 286/98, introdotto dalla legge Bossi-Fini, in merito al reato di immigrazione clandestina.

Fonte: Sir
Abolizione reato clandestinità: mons. Perego (Migrantes), decisione corretta
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento