Italia
stampa

Corruzione: «Libera», primo antidoto «trasparenza» e «monitoraggio civico»

“Il primo antidoto alle tangenti è la trasparenza”. Ne è convinta Libera, rete di “associazioni, nomi e numeri contro le mafie”, che cita “le oltre 520.000 adesioni alla campagna ‘Riparte il futuro’ (www.riparteilfuturo.it) promossa da Libera e Gruppo Abele” per ribadire che “occorre potenziare il ruolo della società civile, che la Legge 190/12 prevede, affinché si concretizzi il monitoraggio civico e sia possibile esercitare il diritto di conoscere”.

Percorsi: Volontariato
Parole chiave: tangenti (1), libera (74), corruzione (4)

“Le norme ci sono, come il decreto 33/2013, ma sono disattese. Si tratta di attuarle sul modello del Freedom of Information Act (FOIA). La trasparenza non deve essere vista come un compito burocratico: è uno strumento di coinvolgimento della cittadinanza che attraverso l’accesso civico deve garantire il monitoraggio di tutte le fasi delle grandi opere, dall’ideazione alla realizzazione”. In vista del Consiglio dei Ministri che dovrebbe prevedere un primo pacchetto anticorruzione, Libera rilancia in una nota alcune proposte per dare vita a un vero e proprio sistema anticorruzione nel nostro Paese. “È fondamentale - scrive - promuovere la denuncia degli illeciti cui si assiste, il cosiddetto whistleblowing, soprattutto nelle pubbliche amministrazioni: denunciare episodi di corruzione significa ristabilire quel patto sociale che corrotto e corruttore hanno spezzato”.

Fonte: Sir
Corruzione: «Libera», primo antidoto «trasparenza» e «monitoraggio civico»
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento