Italia
stampa

Costalli (Mcl): i cattolici individuino le vere emergenze

Un «grave pericolo» incombe sul nostro paese, quello di vedere il varo di «leggi tragicamente lesive della dignità della persona, del matrimonio e della famiglia»: la denuncia è stata formulata oggi pomeriggio a Roma da Carlo Costalli, presidente del Movimento cristiano lavoratori (Mcl) in apertura del consiglio generale che proseguirà fino a domani all'Hotel Ergife.

Parole chiave: Carlo Costalli (3), gay (52)

Secondo Costalli, «il riconoscimento giuridico del ‘matrimonio omosessuale' è un fatto dirompente dato che apre alla possibilità della filiazione, non solo tramite adozione ma soprattutto tramite inseminazione artificiale. Coloro che usufruiranno di queste leggi saranno una minoranza ma il cambiamento culturale sarà travolgente». Per sostenere la sua posizione, il presidente ha poi detto: «Si va incontro al rischio di perdere il senso della paternità e della maternità e di considerare la filiazione un fatto tecnico che apre la strada a forme di violenza inaudita. Ebbene, mentre questa valanga travolgente si abbatte sulla natura umana, i cattolici italiani si sono divisi sulle tattiche di piccolo cabotaggio, hanno messo da parte le indicazioni del magistero, non hanno saputo individuare le vere emergenze e hanno escogitato i più sottili sofismi». Ha quindi ricordato la campagna «Uno Di Noi» a difesa dell'embrione umano, cui Mcl offre il suo sostegno convinto e concreto.

Circa la situazione politica italiana e la crisi economica, Costalli ha affermato che il governo in carica è «nato in condizioni di straordinaria difficoltà» a fronte del «rischio di una spaccatura irreversibile del Paese». Dopo aver analizzato la situazione dei due principali partiti (Pd e Pdl) il presidente di Mcl ha auspicato che cessi «l'anomalia italiana rappresentata da una destra populista, una sinistra oligarchica e un centro indefinito», arrivando a «stabilizzare due grandi forze popolari, a destra e a sinistra». Mcl si sente orientato verso una «forza liberalpopolare in cui devono trovare ampia cittadinanza, cultura, identità e valori cattolici», anche per difendere quei valori etici legati ai temi quali vita, famiglia, lavoro, che sono tipici della dottrina sociale della Chiesa. A questo riguardo, Costalli ha citato ampi passi di recenti interventi del Card. Bagnasco, presidente della Cei, a proposito della crisi economica, della disoccupazione specie giovanile e delle gravi difficoltà in cui si trovano molte famiglie specie a basso reddito. Parlando del Mcl giunto al 40° di fondazione, il presidente ha ribadito il suo legame «popolare col territorio», annunciando il 12° congresso nazionale che si terrà entro febbraio 2014.

Costalli (Mcl): i cattolici individuino le vere emergenze
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento