Italia
stampa

Divorzio fai-da-te: Belletti (Forum), «basta leggi contro la famiglia»

«La pezza è molto peggio dello strappo. Uno dei pochi passi concreti ipotizzati nella riforma della giustizia sembra purtroppo essere l'istituzione del ‘divorzio-fai-da-te'. Non solo il governo si è affrettato a varare il decreto ma anche l'iter parlamentare ha avuto la strada spianata. Caso piuttosto insolito, a quindici giorni dall'emanazione del decreto la discussione sulla sua conversione entra già nel vivo». Lo sottolinea Francesco Belletti, presidente del Forum nazionale delle associazioni familiari.

Parole chiave: divorzio (55), Francesco Belletti (15)

«L‘idea di non far tornare i coniugi davanti al giudice, in caso di separazione - come dice l‘articolo 6 del decreto legge, la cosiddetta extragiudiziale - ci pare davvero una proposta grave, che attacca al cuore la rilevanza pubblica del legame matrimoniale. Privatizzare il divorzio è una resa alla commercializzazione di ogni valore, di ogni relazione. Privatizzare il divorzio è privatizzare la famiglia. Perché, per una volta, invece di preoccuparci di tagliare i tempi non ci si preoccupa di riempire di significati quell'attesa? Diamo alla coppia, alla famiglia, alle Istituzioni il tempo necessario per considerare che la stabilità coniugale è un valore e un bene comune da promuovere e tutelare, e offriamo spazi sociali entro cui la coppia possa essere aiutata a trattare la crisi e la separazione».

 «Come non chiedersi il livello di urgenza di questa misura? Con tutti i guai che ha la giustizia, quello delle separazioni e dei divorzi consensuali era proprio l'ultimo dei problemi», evidenzia Belletti. Di fronte della proposta di accorciamento dei tempi di attesa tra separazione e divorzio, «avevamo chiesto che almeno questo tempo intercorrente venisse utilizzato con maggiore decisione, e con servizi ad hoc, per tentare tra le parti una conciliazione o una mediazione». Ma oggi, «di fronte all‘idea che la coppia - sposata, lo ricordiamo, davanti ad un pubblico ufficiale - possa rompere il proprio legame con un accordo privato, semplicemente registrato da un avvocato, ci pare proprio irricevibile. A meno che l‘idea sia quella di rendere il legame di coppia, impegno pubblico basato sul disegno costituzionale, esattamente uguale all‘acquisto di un auto di seconda mano». Dinanzi a questa ipotesi «non ci stiamo. Noi la famiglia, invece, la difendiamo. E ci aspettiamo che le leggi la promuovano e la sostengano come impone la Costituzione, anziché aiutare il suo smantellamento. Quindi chiediamo - semplicemente - di abolire integralmente l‘articolo 6, quello che introduce la trasformazione del matrimonio in un contratto esclusivamente privato. E apprezzeremo pubblicamente tutti i parlamentari che sapranno combattere contro l‘approvazione dell‘art. 6. Basta leggi contro la famiglia!».

Fonte: Sir
Divorzio fai-da-te: Belletti (Forum), «basta leggi contro la famiglia»
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento