Italia
stampa

Fine vita: Boscia (Amci), da testo Camera «possibile stravolgimento del rapporto medico-paziente»

Filippo Maria Boscia, presidente nazionale dell’Associazione medici cattolici italiani (Amci), denuncia i rischi insiti al testo elaborato in Commissione affari sociali della Camera sul fine vita.

Percorsi: Eutanasia - Parlamento - Sanità - Vita
Fine vita (Foto Sir)

«Il testo unificato elaborato dal comitato ristretto della Commissione affari sociali della Camera adottato come testo base sul testamento biologico se da un lato sancisce correttamente il diritto del malato ad autodeterminarsi nella scelta delle cure da intraprendere o sospendere», dall’altro desta «grave preoccupazione» per «il possibile stravolgimento del rapporto tra medico e paziente quando si prevede che il medico debba svolgere una mera funzione notarile rispetto alle volontà manifestate dal paziente o da un suo fiduciario». Lo dichiara Filippo Maria Boscia, presidente nazionale dell’Associazione medici cattolici italiani (Amci). «L’orientamento contenuto nella proposta di legge – prosegue Boscia – determina una frattura dolorosa di quel rapporto fiduciario che si sviluppa tra il medico che offre, in scienza e coscienza, opzioni terapeutiche al bisogno di salute del malato, e quest’ultimo che, a sua volta, chiede accoglienza e condivisione della propria condizione di sofferenza».

«Questa visione – sottolinea il presidente dell’Amci – ha sempre rappresentato la natura sostanziale di una medicina umanizzante fondata sulla relazione di assoluta prossimità con il sofferente, che non può essere ridotta a una pratica meramente empirica e pragmatica che finirebbe con l’accrescere la sensazione di solitudine del malato e il senso di frustrazione e sconfitta da parte del medico». Boscia chiede, quindi, di «consentire ai medici, quando devono dolorosamente prendere atto della definitiva volontà del paziente di rinunciare alle cure», la possibilità «di esercitare una clausola che riconosca il primato della coscienza e consenta al medico di testimoniare la volontà di preservare sempre la vita».

Fonte: Sir
Fine vita: Boscia (Amci), da testo Camera «possibile stravolgimento del rapporto medico-paziente»
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento