Italia
stampa

Gioco d'azzardo: don Zappolini, «più giochi, più perdi, è matematico»

Oggi a Roma presentazione della campagna di comunicazione contro il gioco d'azzardo.

Percorsi: Gioco d'azzardo

«Il messaggio che lanciamo con questa campagna di sensibilizzazione è chiaro: attenzione, non fatevi abbindolare dalla pubblicità dei giochi d'azzardo. Non avete ‘quasi vinto' e non ‘vincerete facile'. Anzi, è vero piuttosto che più giochi più perdi. È matematico». È il messaggio di don Armando Zappolini, portavoce di «Mettiamoci in gioco», intervenuto alla presentazione della campagna di comunicazione contro i rischi del gioco d‘azzardo che si è tenuta oggi a Roma nella Sala della Mercede.

«Il consumo di azzardo - continua don Zappolini - può dar luogo ad abuso e dipendenza, con conseguenze molto negative per sé, per le persone che ci sono accanto, per la società». «Per raggiungere l'opinione pubblica - spiega - punteremo prima di tutto sui mezzi e sulle strutture delle organizzazioni che aderiscono alla campagna a livello nazionale e locale. Scommettiamo sulle relazioni sociali, sulla mobilitazione dei nostri soci e volontari».

La campagna si rivolge anche alla politica: «È ora di prendere decisioni precise e coraggiose, a cominciare dall'approvazione della prima sul gioco d'azzardo in Italia. Ogni persona che ha problemi di dipendenza deve poter contare su un aiuto professionale facilmente accessibile da parte dei servizi pubblici».

Gioco d'azzardo: don Zappolini, «più giochi, più perdi, è matematico»
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento