Italia
stampa

Ius soli ai minori stranieri: mons. Perego (Migrantes), «una riforma a metà»

«È una riforma a metà, un accordo e una mediazione al ribasso»: così monsignor Giancarlo Perego, direttore della Fondazione Migrantes, commenta al Sir l’approvazione, da parte della Commissione affari costituzionali della Camera, del testo unificato di riforma sulla cittadinanza che raccoglie le 24 proposte di legge sulla modifica della legge 91/92. 

Percorsi: Immigrati
Immigrati (Foto Sir)

La legge introduce il principio dello «ius soli» temperato e dello «ius culturae» per i ragazzi che arrivano in Italia prima dei 12 anni. Monsignor Perego giudica il testo «interessante ma debole perché riguarda solo i minori ma non interviene sulle migliaia di adulti che aspettano di diventare cittadini italiani. Nel testo originale si chiedeva la diminuzione degli anni di residenza, l’accelerazione dei tempi, invece in questo c’è solo un consenso sui minori. Va nella linea di uno ius soli allargato ai minori ma non interviene sugli adulti». Il direttore della Migrantes ricorda che il 30 luglio scorso era stata diffuso un intervento congiunto di diverse organizzazioni che aderiscono alla campagna per la cittadinanza «L’Italia sono anch’io», nel quale si chiedeva una riforma della legge più estesa. Da settembre il disegno di legge arriverà in aula. «Speriamo ci potrà essere una ulteriore riforma che riguardi tutti gli aspetti complessivi della cittadinanza», conclude monsignor Perego.

Fonte: Sir
Ius soli ai minori stranieri: mons. Perego (Migrantes), «una riforma a metà»
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento