Italia
stampa

Maltempo al Sud: Caritas Italiana, «pronta mobilitazione di parrocchie e diocesi»

«Gli squilibri e le ferite che il maltempo sta lasciando in questo periodo sul nostro territorio sono purtroppo profondi e hanno provocato addirittura la perdita di vite umane, oltre che danni ingenti, in particolare al Sud». Lo scrive in un comunicato la Caritas Italiana, in merito alle situazioni meteorologiche critiche del Mezzogiorno, in particolare della Calabria e della Sicilia.

Percorsi: Alluvioni - Caritas - Maltempo
Una frana causata dal maltempo

«Grazie all’impegno di operatori e volontari le Caritas si sono attivate nelle varie situazioni di bisogno, come in Sicilia, dove è ancora emergenza idrica, o nel Sannio con l’avvio dei progetti accomunati» dal titolo emblematico «Fuori dal fango». Anche in Calabria il violento nubifragio che si è abbattuto sulla fascia Ionica e Tirrenica ha provocato altri morti e l’interruzione di strade e ferrovie, l’esondazione di diversi torrenti (Ferruzzano, Catona) frane, allagamenti, case isolate, violente mareggiate, inoltre ingenti danni alle coltivazioni. Caritas mette in evidenza come sia stata «pronta anche in questo caso la mobilitazione delle diocesi più colpite, Reggio Calabria-Bova, Locri-Gerace, Oppido Mamertino-Palmi, dove le Caritas, in stretto collegamento con la rete parrocchiale, hanno avviato i primi aiuti». I locali delle parrocchie «sono diventati luoghi di accoglienza per le prime necessità e in questa prima fase dell’emergenza le Caritas parrocchiali stanno effettuando un monitoraggio costante dei bisogni e delle urgenze».

Fonte: Sir
Maltempo al Sud: Caritas Italiana, «pronta mobilitazione di parrocchie e diocesi»
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento