Italia
stampa

Morte Dj Fabo: Gigli (Mpv), no alla pretesa di allargare le maglie della legge sul fine vita

Gian Luigi Gigli, presidente del Movimento per la vita italiano (Mvp) commenta la richiesta del pm di archiviare le incriminazioni a carico di Marco Cappato per istigazione al suicidio assistito, nel caso di dj Fabo

Kit per eutanasia (Foto Sir)

«Per il pm che ha chiesto di archiviare le incriminazioni a carico di Marco Cappato, le pratiche di suicidio assistito non violano il diritto alla vita quando il malato (o anche chi legalmente lo rappresenta?) ritenga la sua vita indegna di essere vissuta. Di indegna qui c’è solo la pretesa del magistrato di allargare le maglie della legge sul fine vita. Cappato, trasformatosi ormai in imprenditore tanatologico, esulta e annuncia nuovi viaggi della morte in Svizzera». Lo afferma Gian Luigi Gigli, presidente del Movimento per la vita italiano (Mvp). «Tuttavia – sottolinea Gigli -, oltre alla pelle dei pazienti, farebbe bene a non vendere la pelle dell’orso prima della pronuncia del Gip. Il fatto che il pm abbia chiesto l’archiviazione del fascicolo aperto con l’accusa di aiuto al suicidio di Dj Fabo non significa, per il momento, che non vi siano responsabilità penalmente perseguibili. Peraltro, la partita sul biotestamento, ora all’esame del Senato, non è ancora chiusa e alla luce delle aperture di certi magistrati alcune anime belle del Senato farebbero bene a considerare con più attenzione le ricadute di una legge che costituirà il grimaldello per la legalizzazione dell’eutanasia».

Fonte: Sir
Morte Dj Fabo: Gigli (Mpv), no alla pretesa di allargare le maglie della legge sul fine vita
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento