Italia
stampa

Progetto Policoro: mons. Longoni (Cei), 128 diocesi coinvolte, nel 2012 investiti 25,5 milioni

Numeri importanti per i 20 anni del «Progetto Policoro» per lo sviluppo dell’imprenditorialità giovanile, promosso nel 1995 dalla Conferenza episcopale italiana e dalla Caritas. Se ne è parlato ieri in un convegno a Roma.

Percorsi: Cei - Giovani - Imprese - Lavoro
Parole chiave: Progetto Policoro (4)
Giovani e lavoro (Foto Sir)

Sono 128 (su 225) le diocesi attualmente coinvolte, non solo al sud ma anche al nord-Italia. Circa 700 le esperienze lavorative - tra consorzi, cooperative e piccole imprese - che hanno creato una rete di solidarietà tra imprese del Nord e del Sud. Il fenomeno vale tra gli 80 e i 100 milioni di euro l’anno. I cosiddetti «Gesti concreti» in favore dell’occupazione sono stati 217, hanno coinvolto circa 1.000 persone e un investimento di circa 25,5 milioni di euro nel 2012 (+26% rispetto al 2008). Questi i numeri dei primi 20 anni di attività dal Progetto Policoro per lo sviluppo dell’imprenditorialità giovanile, promosso nel 1995 dalla Conferenza episcopale italiana (Ufficio nazionale per i problemi sociali e il lavoro e Servizio nazionale per la pastorale giovanile) e dalla Caritas italiana. Ad illustrarli ieri mattina a Roma, presso la sede dell’Associazione di Fondazioni e di Casse di risparmio Spa (Acri), è stato monsignor Fabiano Longoni, direttore dell’Ufficio Cei per i problemi sociali e il lavoro, inaugurando l’incontro di presentazione del progetto «Policoro laboratorio di speranza per l’intero Paese», avviato nel 2013. «L’appuntamento di oggi - ha detto - dovrebbe fare da volano ad altre iniziative in altri territori sui quali siamo presenti».

Secondo mons. Longoni, il progetto Policoro «nasce per il sud ma è un grande contributo a tutta la nazione, con il suo sostegno a un’imprenditoria a servizio del bene comune». Il progetto «ha avuto modo di costruire capitale sociale e di formare più di un migliaio di persone sul trinomio giovani-Vangelo-lavoro». Al suo interno, gli animatori di comunità sono invitati «a collocare la prospettiva etica in quella imprenditoriale e a dare valore alla lotta contro le mafie a favore della legalità, senza la quale non è possibile alcuno sviluppo integrale». Richiamando i dati appena presentati, frutto della prima indagine «camerale» effettuata nel 2014 grazie a Libera e a Unioncamere, il direttore dell’Ufficio Cei ha sottolineato l’importanza di «un piccolo salto di qualità: non basta avere formato capitale sociale. La grande domanda che ci fa Papa Francesco nella Laudato si’ è quella della creazione di una nuova leadership, che entri nell’interno del proprio territorio per guidarne il cambiamento. Oggi abbiamo più bisogno di questo che non di finanziamenti a pioggia». Formazione delle persone, di leadership e di capitale sociale «vanno per mano», ha concluso mons. Longoni richiamando tra gli attori presenti nel progetto Libera, Acli, Cisl, banche di credito cooperativo, Confcooperative e annunciando che il prossimo rapporto Svimez dedicherà un capitolo all’esperienza del Progetto Policoro.

Fonte: Sir
Progetto Policoro: mons. Longoni (Cei), 128 diocesi coinvolte, nel 2012 investiti 25,5 milioni
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento