Italia
stampa

Salute: Istat, popolazione invecchia. più malattie croniche e demenze senili

Si conferma una popolazione che invecchia quella italiana, fotografata dall’Istat secondo i risultati dell’indagine “Tutela della salute e accesso alle cure - Anno 2013” diffusa oggi in occasione del convegno tenuto a Roma, al ministero della Salute, organizzato da Istat, Regione Piemonte e ministero stesso.

Percorsi: Anziani - Sanità
Parole chiave: Istat (55)

L’Italia è un Paese in cui le patologie croniche sono sempre più diffuse e nel quale, rispetto al 2005, anno della precedente indagine, diminuiscono malattie respiratorie croniche e artrosi, perché la popolazione che invecchia proviene da esperienze di vita più “sane” e curate sotto diversi profili, mentre aumentano i tumori maligni, Alzheimer e demenze senili. I risultati dell’Indagine 2013, effettuata su un campione di 120mila persone, costituiscono un contributo per comprendere, dopo sette anni rispetto all’indagine precedente, e in un periodo di congiuntura economica sfavorevole, se sono peggiorate o migliorate le condizioni di salute, se si sono modificate le modalità di accesso ai servizi sanitari, quali i comportamenti di tutela della salute e quali le differenze a livello regionali o socio-economiche.

Rispetto al 2005, a parità di età aumentano i tumori maligni (+60%), le malattie della tiroide (+52%), l’Alzheimer e le demenze senili (+50%), l’emicrania ricorrente (+39%), l’allergia (+29%) e l’osteoporosi (+26%), mentre diminuiscono le prevalenze di bronchite cronica/enfisema (-24%) e dell’artrosi/artrite (-18%). Queste variazioni riflettono l’impatto di molti fattori, tra cui i progressi della medicina e il miglioramento delle capacità diagnostiche, la migliore consapevolezza e informazione dell’intervistato sulle principali patologie rispetto al passato, i cambiamenti epidemiologici in atto in una popolazione che invecchia e progredisce in termini di istruzione. Con riferimento alla presenza di patologie croniche gravi, nel 2013 il 14,7% della popolazione dichiarava di essere affetto da almeno una malattia cronica grave (diabete, infarto del miocardio, angina pectoris, altre malattie del cuore, ictus…). Tale quota è in aumento solo per effetto dell’invecchiamento della popolazione. Rispetto al 2005, facendo riferimento allo stesso insieme di patologie, aumenta invece di quasi un punto percentuale, anche tenendo sotto controllo l’effetto dell’età, la percentuale di quanti riferiscono di avere almeno tre patologie croniche, indipendentemente dalla gravità (13,6%).

La ricerca Istat presentata oggi sottolinea altri elementi nel campo della salute degli italiani: ad esempio la depressione risulta il problema più diffuso e più “sensibile” alla crisi economica; sono invece in lieve calo le persone con limitazioni funzionali, ma oltre gli 80 anni sono oltre un milione; le difficoltà nella sfera della comunicazione (nel vedere, sentire o parlare) coinvolgono circa 900mila persone di 6 anni e più. La situazione di maggiore riduzione dell’autonomia riguarda il 2,5% della popolazione (1,4 milioni di persone) che riferisce di essere costretta a stare a letto, su una sedia o rimanere nella propria abitazione per impedimenti di tipo fisico o psichico. Il maggior numero di soggetti con limitazioni funzionali risiede nel Mezzogiorno. Istat riferisce inoltre che oltre una famiglia su 10 ha almeno un componente con limitazioni funzionali e oltre il 70% delle famiglie non ha alcuna assistenza domiciliare.

Salute: Istat, popolazione invecchia. più malattie croniche e demenze senili
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento