Italia
stampa

Sentinelle in piedi: nuove «veglie» in diverse città da oggi al 29 marzo

Da quasi due anni in Italia c’è un popolo che ha cominciato a invadere le piazze e a scuotere le coscienze: le Sentinelle in Piedi sono una resistenza formata da chi non è disposto a sottostare al pensiero unico e vuole ribadirlo riprendendosi lo spazio pubblico.

Parole chiave: Sentinelle in piedi (3), Teoria gender (31)

«Mentre il Governo ha ribadito l’intenzione di procedere con l’annunciato testo sulle unioni civili, prosegue l’offensiva gender nelle scuole anche dell’infanzia, le istituzione europee non fanno altro che pressare gli Stati membri affinché legittimino il matrimonio gay e considerino l’aborto un diritto», le Sentinelle in Piedi tornano a vegliare: oggi, sabato 14 marzo, a Senigallia, domenica 15 marzo a Mestre, domenica 15 marzo a Verona, sabato 21 marzo a Bergamo, sabato 21 marzo a Lecco, domenica 22 marzo a Firenze, domenica 22 marzo a Siena, sabato 28 marzo a Brescia, domenica 29 marzo a Vicenza. Per le Sentinelle «è cruciale che ciascuno faccia la propria parte: al mondo associativo, a quello politico, alle istituzioni, a chi legifera chiediamo di uscire dall’ombra e resistere insieme a noi perché sia tutelata l’essenza dell’uomo e della nostra civiltà». «Sappiamo - aggiungono - di essere uno strumento politico solo di conseguenza alla nostra testimonianza. Perché solo una coscienza irriducibile a ogni omologazione e menzogna potrà cambiare la logica di un potere che anziché servire l’uomo cerca di controllarlo».

Fonte: Sir
Sentinelle in piedi: nuove «veglie» in diverse città da oggi al 29 marzo
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Avatar
alberto savio 16/03/2015 13:52
Razzisti omofobi
I razzisti omofobi delle Sentinelle in Piedi continuano a impegnarsi invece che di promuovere una civiltà dell'amore, della fratellanza e dell'accoglienza dell'Altro in quanto altro da sé, nell'ostacolare la vita delle coppie gay e lesbiche infangandole e discriminandole. Chiunque si schieri dalla loro parte (e non dalla parte di Cristo) con la loro ideologia (quella sì altro che la fantasmagorica e inesistente teoria gender!) ottusa e retrograda, compie un gesto contro l'umanità intera di cui renderà conto.

Totale 1 commenti

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento