Italia
stampa

Servizio civile: Patriarca, «chiedo un ripensamento a governo e parlamento»

«Non posso nascondere la delusione per la bocciatura dell'emendamento che prevedeva l'adeguamento delle risorse per il 2015 in favore del Servizio civile. Tali risorse avrebbero dovuto essere portate a 200 milioni di euro, rispetto agli attuali 60, per coinvolgere fino a 40mila giovani, pronti per altrettanti progetti già approvati».

Lo dichiara al Sir Edoardo Patriarca (Pd), dopo che il suo emendamento è stato respinto per difficoltà nella copertura espresse da parte del ministero dell'Economia. «Nonostante questo brusco e inatteso stop - prosegue Patriarca - mi sento di rivolgere un appello al Governo e al Parlamento e spero ci sia un ripensamento. L'ipotesi cui eravamo orientati era di un servizio civile universale a regime entro il 2017. Sono convinto che sia possibile ritornare a considerare l'indubbia utilità sociale di questo strumento».

«Tra l'altro - aggiunge - ho riscontrato una sensibilità ‘trasversale' tra i partiti, sia di maggioranza che di minoranza, in quanto tutti colgono il valore di questa esperienza esistenziale offerta a decine di migliaia di giovani, in grado di segnare l'esistenza positivamente e con una apertura alla dimensione sociale oltre che lavorativa».

L'obiettivo finale del 2017 col «Servizio civile universale», precisa Patriarca, «è quello non solo di arrivare almeno a 100mila giovani operativi, ma di rendere possibile di aprire il servizio civile a chiunque lo desideri».

Fonte: Sir
Servizio civile: Patriarca, «chiedo un ripensamento a governo e parlamento»
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento