Italia
stampa

Terremoto in Emilia: Caritas, iniziative e bilancio ad un anno dal sisma

«Ricordiamo nella preghiera le popolazioni dell'Emilia Romagna che il 20 maggio dell'anno scorso furono colpite dal terremoto». Così Papa Francesco ha fatto memoria del sisma che nel maggio 2012 ha messo a dura prova la popolazione dell‘Emilia Romagna e ha fatto sentire i suoi effetti anche in Lombardia e Veneto. Molte le iniziative organizzate in occasione di questo anniversario dalle Caritas diocesane di Carpi, Modena-Nonantola, Ferrara-Comacchio, Bologna e Reggio Emilia-Guastalla.

Percorsi: Caritas - Terremoti
Parole chiave: Emilia Romagna (2)

La delegazione regionale dell'Emilia Romagna ha infatti invitato le parrocchie e/o Caritas parrocchiali a organizzare in modo semplice piccoli ritrovi per condividere un pasto e una preghiera in prossimità del 20 e 29 maggio, per ricordare i momenti nei quali, le persone erano costrette a rimanere fuori dalle proprie case e strutture di ritrovo. A seguito della raccolta in tutte le parrocchie del 10 giugno 2012, sono pervenute a Caritas italiana 10,7 milioni di euro per le attività di ricostruzione e di sostegno alle popolazioni colpite, ai quali vanno aggiunti i 3 milioni di euro subito stanziati dalla Cei in fase di emergenza. Per garantire risposte adeguate sul lungo periodo alle singole realtà su un territorio così ampio, è stata avviata la realizzazione in alcuni dei comuni maggiormente colpiti di 17 centri di comunità, (per attività, liturgiche, sociali e ricreative). Nove sono stati già realizzati.

Tra giugno e luglio è prevista l'inaugurazione di altri quattro centri: il 2 giugno a Calto nella diocesi di Adria-Rovigo, il 16 giugno a Vigarano Mainarda, diocesi di Ferrara-Comacchio, il 30 giugno a San Felice sul Panaro, arcidiocesi di Modena-Nonantola e il 7 luglio a Mirandola, diocesi di Carpi. Fin dai primi giorni le Caritas diocesane dell'Emilia Romagna hanno ricevuto moltissime offerte di disponibilità a svolgere periodi di volontariato nelle zone terremotate da parte di persone di ogni età e professione. Volontari provenienti da tutta l‘Italia si sono alternati nei turni organizzati dal Coordinamento regionale della delegazione delle Caritas diocesane dell'Emilia Romagna. Inoltre Caritas italiana ha avviato sul territorio i gemellaggi tra le Regioni ecclesiastiche italiane e le diocesi colpite dal sisma, coinvolgendo 185 parrocchie e 17 zone pastorali. Ogni delegazione regionale ha fatto varie visite nelle zone gemellate, per definire un percorso che durerà nel tempo. Si prevede anche la progettazione di strutture per servizi sociali e caritativi, servizi in risposta alle vecchie e nuove povertà, e fondamentale sarà anche la progettazione sociale per la ripresa socio-economica del territorio.

Fonte: Sir
Terremoto in Emilia: Caritas, iniziative e bilancio ad un anno dal sisma
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento