Italia
stampa

Tragedia di Lampedusa, mons. Montenegro: tristezza e senso di colpa

«Indignazione che rischia di diventare rabbia, un sentimento non cristiano, ma anche grande tristezza e senso di colpa». Sono i sentimenti che l’arcivescovo di Agrigento, monsignor Francesco Montenegro, confida in un’intervista al Sir poco dopo aver visitato i cadaveri in fila a Lampedusa.

Percorsi: Immigrati
Parole chiave: Lampedusa (121), sbarchi (249)

“Alcuni - racconta l’arcivescovo - rimasti con le braccia alzate come a voler chiedere ancora aiuto”, e quello “di una bambina che sembrava dormisse: il suo viso era sereno come se non avesse vissuto la tragedia che l’ha portata alla morte. Vedendo i volti di quei bimbetti, morti così atrocemente, mi sono chiesto ‘io che cosa sto facendo?’ e credo che questo interrogativo dobbiamo porgercelo tutti”. L’arcivescovo soffre vedendo “che non tutti i cristiani hanno il cuore aperto”, e “se buonismo vuol dire essere accoglienti e guardare a questi volti come a quelli di nostri fratelli, io sono contento di essere buonista. Fin quando le leggi per l’accoglienza non vengono fatte, io cosa devo fare? Devo voltarmi dall’altra parte e comportarmi come se queste persone non esistano?”, si chiede. “Il Vangelo - afferma - c’insegna che se c’è un uomo per terra io lo devo aiutare. Se quello del samaritano è stato solo buonismo, allora significa che Gesù non ha proprio le idee chiare; se invece ce lo ha dato come esempio da seguire, io devo fare come il samaritano”.

“La maggior parte di questi giovani - riflette monsignor Montenegro - quando arrivano, vogliono andare altrove, l’Italia è un ponte e loro chiedono solo di poter passare per potere raggiungere le loro destinazioni finali. Mi chiedo, se nella globalizzazione dove tutto diventa di tutti perché i poveri non lo diventano?”. L’arcivescovo pensa anche alla gente di Lampedusa, “che sta soffrendo non solo perché arrivano i naufraghi, ma perché questi morti hanno segnato per sempre il loro cuore”, e pertanto “ha bisogno di solidarietà”. E con l’intento che “tutta la Chiesa siciliana apra gli occhi e si renda conto che c’è il Signore che bussa e che attende soltanto che gli si apra la porta”, lunedì si terrà a Lampedusa il convegno regionale delle Caritas diocesane per rafforzare la rete di solidarietà.

Fonte: Sir
Tragedia di Lampedusa, mons. Montenegro: tristezza e senso di colpa
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento