Mondo
stampa

Ccee: vescovi preparano un messaggio all’Europa. Oggi incontro con presidente palestinese Abbas

(dall’inviato Sir a Gerusalemme) - È fitto anche il programma della quinta giornata dell’assemblea plenaria dei vescovi europei (Ccee) che si tiene quest’anno in Terra Santa. I lavori prevedono un ulteriore momento di confronto sulla situazione dei cristiani in Terra Santa - ve ne sono stati diversi nei giorni scorsi - da parte dell’assemblea degli Ordinari cattolici della Terra Santa (Acohl); è quindi attesa l’approvazione di un messaggio che l’episcopato europeo rivolgerà alle Chiese in Europa e che sarà diffuso domani.

Parole chiave: Ccee (166)
I vescovi europei in preghiera aGerusalemme (Foto Sir)

In mattinata una delegazione di vescovi si recherà a Ramallah per incontrare il Presidente della Palestina, Mahmoud Abbas (domani invece avverrà il rendez-vous dei componenti del Ccee con il Presidente d’Israele, Reuven Rivlin). Nel pomeriggio il trasferimento da Gerusalemme a Betlemme, dove i presidenti delle Conferenze episcopali visiteranno in gruppo alcune opere caritative gestite da diverse comunità religiose e organismi ecclesiali. La giornata si concluderà con un incontro con i consacrati e la celebrazione dell’Eucarestia nella chiesa di Santa Caterina, presieduta dal patriarca latino di Gerusalemme, Fouad Twal, e trasmessa in streaming dal Christian Media Center.

Nella sessione di ieri i vescovi si sono confrontati sulla situazione di alcune realtà ecclesiali nazionali, presieduti dal cardinale Willem Jacobus Eijk, presidente della Conferenza episcopale dei Paesi Bassi. «Famiglia e migrazioni sono stati ancora i temi predominanti della sessione», riferisce l’ufficio stampa Ccee, «ma sono anche apparse sfide legate ai temi di bioetica (suicidio assistito, diagnosi pre-impianto) di cui i presuli europei denunciano una deriva legislativa e un dibattito mediatico a volte troppo acceso che spesso riduce l’annuncio evangelico della Chiesa a una mera posizione morale».

Si è inoltre discusso della pace «in quelle regioni di conflitti che causano l’ondata migratoria che attualmente l’Europa deve fronteggiare. Solo un impegno degli Stati - anche di quelli europei - per una pace duratura in quelle zone di conflitto potrà ridurre il flusso di migranti», hanno affermato diversi prelati. Nella nota del Ccee si legge ancora: «Nonostante l’immensa attività della chiesa a favore dei rifugiati iracheni in Giordania, la loro situazione resta preoccupante specialmente perché non si intravede all’orizzonte una soluzione al loro problema».

Fonte: Sir
Ccee: vescovi preparano un messaggio all’Europa. Oggi incontro con presidente palestinese Abbas
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento