Mondo
stampa

Costa d’Avorio: Presidente vescovi, non confondere terrorismo con Islam

«Come cittadini ivoriani, noi cattolici siamo sotto choc, insieme al resto del Paese, per la barbarie che si è consumata ieri a Grand Bassam, ma siamo uomini di fede e sappiamo che anche nel dolore più grande bisogna mantenere la speranza: Dio non permetterà mai che il male prevalga». È questo il messaggio che monsignor Alexis Touabli, vescovo di Agboville e presidente della Conferenza episcopale ivoriana, invia parlando all’indomani dell’attacco avvenuto nella località balneare nel sud del Paese.

L'attentato terroristico in Costa d'Avorio (Foto Sir)

«Credo fermamente che non si debbano stabilire legami diretti tra quest’azione barbara e l’Islam – commenta il vescovo con riferimento alla rivendicazione dell’attentato arrivata dalla rete Qaedista attiva in Africa occidentale -. Il male esiste ovunque e sono certo che anche i nostri fratelli musulmani condannano ciò che è successo». Nei prossimi giorni, preannuncia il vescovo «ci riuniremo con gli altri leader religiosi per decidere il da farsi; ma anche senza essere fisicamente nello stesso luogo, possiamo già compiere l’azione comune più importante, che è la preghiera, la forza di tutti coloro che credono in Dio: senza distinzione di fede, dobbiamo chiedere che mai più accadano cose simili in questo Paese».

Fonte: Sir
Costa d’Avorio: Presidente vescovi, non confondere terrorismo con Islam
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento