Mondo
stampa

Egitto: Kek, stop alle violenze, solidarietà a tutto il popolo e ai cristiani

«L'Assemblea della Kek esprime simpatia e solidarietà con i cittadini egiziani che lottano per portare il loro Paese a una stabile ed efficace democrazia e a condizioni economiche più eque. Deploriamo l'escalation di violenza in Egitto e facciamo appello a tutti gli attori ad astenersi dalla violenza»: così scrivono i delegati Kek nel «Rapporto sulle questioni d'interesse pubblico» diffuso oggi.

Parole chiave: Kek (64)

«Ci sentiamo legati alla Chiesa copta ortodossa e alle altre chiese cristiane, ai nostri fratelli e sorelle cristiani che vivono in Egitto e ci impegniamo a rimanere in stretto contatto e comunicazione con loro. Appoggiamo i loro sforzi per la cooperazione cristiano-musulmana in questo momento». Il Rapporto parla anche di crisi economica, di giovani (con un invito alle chiese a sostenerli e a dedicare risorse per iniziative lavorative), della situazione di esclusione sociale in cui sono tenuti i Rom e i Sinti in Europa, delle politiche di protezione dei rifugiati, delle insidie alla libertà di espressione e di religione (con particolare riferimento alla violazione dei diritti religiosi nelle aree di Cipro occupate dai turchi), al dramma della guerra in Siria.

Si legge ancora nel Rapporto: «Facciamo appello a chi detiene i metropoliti Yohanna Ibrahim e Boulos Yazigi di liberarli immediatamente. In quanto sacerdoti sono messaggeri di pace e lottano per il bene di ogni essere umano. Tenerli lontani dal loro popolo è un peccato contro l'umanità».

Fonte: Sir
Egitto: Kek, stop alle violenze, solidarietà a tutto il popolo e ai cristiani
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento