Mondo
stampa

Gaza: mons. Shomali, il governo chiede di separare ragazze e ragazzi nelle scuole cattoliche

Gerusalemme - Scuole cattoliche a rischio a Gaza. Tre giorni fa nel corso di una riunione, il Governo della Striscia, a guida di Hamas, ha chiesto al patriarcato latino di Gerusalemme che nelle sue tre scuole, frequentate da oltre 5mila studenti in larghissima maggioranza musulmani, vengano tenuti separati studenti e studentesse. A raccontarlo a un gruppo di testate giornalistiche italiane, tra cui il Sir, è il vescovo ausiliare di Gerusalemme e vicario patriarcale per la Palestina, monsignor William Shomali.

Percorsi: Gaza - Palestina

“A Gaza - ha dichiarato - ci sono circa 1500 cristiani di cui solo 200 cattolici. Sono obbligati a restare lì dove hanno casa, un lavoro ed un pezzo di terra. Non possono uscire. All’interno della Striscia la situazione è grave e inoltre stiamo assistendo a una svolta islamista da parte di Hamas che la governa”.
“Tre giorni fa - aggiunge mons. Shomali - abbiamo tenuto una riunione con il Governo che ha chiesto alle scuole private di tenere separati ragazze e ragazzi. Non possono più frequentare la stessa scuola. Hamas crede così di allontanare le tentazioni dai giovani. A Gaza abbiamo tre scuole, non possiamo certo costruirne altre tre. Lo scorso anno avevano fatto la stessa richiesta ma eravamo riusciti a evitarla. Questa volta non sappiamo cosa fare. E potrebbe un giorno arrivare anche la richiesta alle ragazze di indossare il velo. L’islamizzazione è evidente - ha concluso - hanno impedito l’apertura di negozi di alcoolici, i ristoranti devono essere chiusi durante il Ramadan, non si può fumare in strada”. Il Patriarcato latino a Gaza è presente dal 1990, non solo con le sue tre scuole ma anche con Caritas Gerusalemme che mantiene operativi due centri medici e una clinica mobile con venti operatori.

Fonte: Sir
Gaza: mons. Shomali, il governo chiede di separare ragazze e ragazzi nelle scuole cattoliche
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento