Mondo
stampa

India, violenze su cristiani in Orissa. Chiesa chiede sicurezza e protezione

«La violenza colpisce ancora i cristiani in Orissa. Spesso i responsabili sono gruppi fondamentalisti indù che non vedono di buon occhio i cristiani. Come Chiesa stiamo insistendo con il governo perché garantisca la sicurezza e la protezione dei cittadini di fede cristiana». A dichiararlo all'agenzia internazionale Fidese è monsignor Thomas, vescovo di Balasore e presidente della Conferenza episcopale dell'Orissa, dopo la morte di un pastore cristiano protestante e lo stupro di una suora.

I cristiani, spiega il presule, sono «spesso accusati di voler convertire la popolazione. Sta di fatto che nostri fedeli sono vulnerabili e indifesi. Il governo dovrebbe garantire il rispetto delle leggi. Questo è il nostro primo punto di azione. In secondo luogo, come Chiesa abbiamo un dialogo con tutte le componenti della società e in special modo con gli indù, per far comprendere che i cristiani vogliono soltanto pace e armonia».

Fides informa di avere appreso dalla diocesi di Cuttack-Bhubaneswar che una suora 28enne, originaria del distretto di Kandhamal, è stata sequestrata e violentata da più uomini fra il 5 e l'11 luglio. La Chiesa sta fornendo supporto legale e psicologico alla vittima. Il 14 luglio il dottor Jaishankar, medico e missionario protestante, è stato trovato morto in un fiume. La polizia non esclude che i ribelli naxaliti possano essere in qualche modo responsabili della morte.

Fonte: Sir
India, violenze su cristiani in Orissa. Chiesa chiede sicurezza e protezione
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento