Mondo
stampa

Iraq: Msf, ospedali distrutti da attacchi aerei, iracheni senza cure

Un «deserto sanitario», in un momento in cui «le cure sono disperatamente necessarie». Così il capomissione di Medici senza frontiere (Msf) in Iraq definisce la situazione del Nord e Centro del Paese, dove pesanti bombardamenti e attacchi aerei hanno colpito ospedali e altre strutture mediche, tra cui alcune supportate da Msf, privando i civili di cure mediche estremamente necessarie.

Percorsi: Iraq
Parole chiave: Msf (47)

Di qui l'appello di Msf, rivolto a tutte le parti del conflitto, a «rispettare le strutture mediche, consentire allo staff medico di portare avanti il proprio lavoro e consentire l'accesso ai servizi sanitari». «Molti operatori sanitari sono fuggiti, temendo attacchi contro le strutture mediche in cui lavorano», racconta Forgione: «Siamo molto preoccupati perché moltissime persone sono ora rimaste prive dell'assistenza medica di cui hanno bisogno».

Nella città di Shirqat, tra Mosul e Tikrit, l'ospedale è stato bombardato il 20 luglio. «Ero nel reparto di emergenza a operare un paziente quando l'ospedale è stato colpito», racconta un chirurgo iracheno, parlando al telefono dalla zona del conflitto: «All'improvviso è stato l'inferno: è saltata la corrente, le persone hanno iniziato a correre in tutte le direzioni, non sapendo se scappare all'esterno o cercare rifugio nell'ospedale. Erano tutti terrorizzati» .

Dal 20 luglio, l'ospedale a Shirqat ha subito diversi altri attacchi diretti e tutti i pazienti sono stati evacuati. Un certo numero di pazienti è stato trasferito al più vicino ospedale ancora in piedi, nella città di Hawija, mentre alcuni servizi sanitari sono stati spostati in tre diverse aree della città. «Le condizioni di lavoro sono disperate e molte forniture stanno scarseggiando, dagli antibiotici agli anestetici», continua il chirurgo. Dopo il bombardamento della clinica di Msf a Tikrit il 13 giugno, che puntava a fornire cure mediche a circa 40.000 persone sfollate nella regione, Msf ha chiesto a tutte le fazioni di rispettare lo staff e le strutture mediche. Due settimane dopo, il 27 giugno, l'ospedale principale di Tikrit è stato colpito da un attacco aereo. L'ospedale di Tikrit, dove un tempo venivano trattate 5.000 persone al mese, è stato ripetutamente colpito nei giorni seguenti, e così è accaduto al secondo ospedale della città. L'ospedale di Hawija, dove Msf lavora dal 2011, è uno dei pochi nella regione risparmiati dagli attacchi aerei. Ma un membro dell'équipe medica di Msf ad Hawija riferisce che, nell'ultima settimana, le bombe sono esplose due volte in aree vicine all'ospedale. Msf lavora in modo continuativo in diverse aree dell'Iraq dal 2006 e oggi impiega nel Paese uno staff di più di 300 operatori.

Fonte: Sir
Iraq: Msf, ospedali distrutti da attacchi aerei, iracheni senza cure
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento