Mondo
stampa

Iraq, bruciato episcopio e cristiani in fuga. Il Papa: «Sono con voi»

Il palazzo episcopale dei siro-cattolici di Mosul è stato bruciato dagli estremisti islamici dell’Isil. Lo riferisce Radio Vaticana che dà notizia di un incontro avvenuto stamani in Vaticano tra il patriarca della Chiesa cattolica sira, Ignace Joseph III Younan e l’arcivescovo Dominique Mamberti, segretario per i Rapporti con gli Stati. Papa Francesco sta seguendo con grande preoccupazione e vicinanza la situazione in Iraq, dove la comunità cristiana è a rischio sopravvivenza. A Mosul non ci sono più cristiani dopo quasi duemila anni.

Parole chiave: Mosul (2)
Iraq, bruciato episcopio e cristiani in fuga. Il Papa: «Sono con voi»

«Le ultime notizie sono disastrose. – ha dichiarato Younan a Radio Vaticana - Noi con rammarico ripetiamo ciò che abbiamo sempre detto: non si deve mischiare la religione con la politica. Se ci sono inimicizie tra sciiti, sunniti e non so chi altro, questo non deve essere assolutamente una ragione per attaccare innocenti cristiani e altre minoranze a Mosul e altrove. Non è nemmeno una ragione per distruggere luoghi di culto, chiese, vescovadi, parrocchie, nel nome di una cosiddetta organizzazione terrorista che non ascolta la ragione e non bada alla coscienza. Noi con rammarico diciamo che il nostro arcivescovado a Mosul è stato bruciato totalmente: manoscritti, biblioteca… E hanno già minacciato che, se non si convertiranno all’islam, tutti i cristiani saranno ammazzati. E’ terribile! Questa è una vergogna per la comunità internazionale».

Il Patriarca ha anche riferito che a Mosul non ci sono più cristiani: «C’erano una decina di famiglie che sono dovute fuggire ieri ma gli hanno rubato tutto. Li hanno lasciati alla frontiera della città, ma gli hanno rubato tutto, li hanno insultati, li hanno lasciati così, in pieno deserto. Purtroppo è così».

I cristiani fuggiti da Mosul – ha proseguito il Patriarca - «hanno trovato rifugio in Kurdistan, dove li hanno accolti, ma il primo ministro del Kurdistan ha detto che il Kurdistan non può più ricevere rifugiati perché ci sono anche altre minoranze, gli sciiti, gli yazidi … che sono fuggite in Kurdistan. E’ una cosa terribile».

Younan ha poi lanciato un appello alla comunità internazionale: «Noi siamo in Iraq, in Siria e in Libano: noi cristiani non siamo stati importati, siamo qui da millenni e, quindi, noi abbiamo il diritto di essere trattati come esseri umani e cittadini di questi Paesi. Ci perseguitano nel nome della loro religione e non fanno solamente minacce ma eseguono le loro minacce: bruciano e uccidono».

Papa Francesco ha levato forte oggi la sua voce alla preghiera dell’Angelus in piazza San Pietro (guarda video). «I nostri fratelli – ha detto - sono perseguitati, sono cacciati via, devono lasciare le loro case senza avere la possibilità di portare niente! Assicuro a queste famiglie e a queste persone la mia vicinanza e la mia costante preghiera. Carissimi fratelli e sorelle tanto perseguitati, io so quanto soffrite, io so che siete spogliati di tutto. Sono con voi nella fede in Colui che ha vinto il male».

Il pensiero del Pontefice è andato poi anche ad altre «situazioni di tensione e di conflitto», che persistono specialmente nel resto del Medio Oriente e in Ucraina e ha invocato il «Dio della pace» perché «susciti in tutti un autentico desiderio di dialogo e di riconciliazione. La violenza non si vince con la violenza. La violenza si vince con la pace».

Iraq, bruciato episcopio e cristiani in fuga. Il Papa: «Sono con voi»
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Avatar
Franco Masini 01/08/2014 09:14
"...sto parlando dell'infiulazione forzata ma vale anche per il resto"
"...mi spiace dirlo, perché sono pur sempre nostri fratelli in Cristo (anche se loro non lo ammettono!) ma l'Islam così com'é, invece di dare il buon esempio di religione misericordiosa e seria lo dà all'opposto di religione-regime intransigente fino al punto di "giudicare" il prossimo come fosse "cosa". "oggetto" e non essere umano quindi "Immagine di Dio". Senza mai accennare minimamente che ha nessuno é permesso giudicare il prossimo se non a Dio Padre, se ne deduce che l'Islam con le sue infibulazioni e peggio ancora lapidazioni, mutilazioni, fustigazioni e quant'altro emerge dall'armamentario islamico moderno, sono da ritenersi espressioni di un passato medioevale che stenta a compiere il suo corso, a trasformarsi e questo purtroppo é dovuto alla mancanza degli insegnamenti del "Vangelo" dei quali invece l’Europa e leAmeriche hanno goduto. Oppure e peggio all'imposizione di un potere occulto (nemmeno poi tanto!) alimentato dal terrore. Comunque vadano le cose noi cristiani e non, non vorremmo più vedere immagini come quella di qualche tempo fa dove un Ayatollah (forse il medesimo di oggi?) incitava all'odio contro i "miscredenti" col mitra appoggiato al muro" Franco

Totale 1 commenti

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento