Mondo
stampa

Libano: summit interreligioso, mancanza presidente «minaccia per la sovranità»

Tutti i leader religiosi del Paese chiedono la fine della paralisi istituzionale.

Percorsi: Libano

«Profonda preoccupazione» per la lunga paralisi istituzionale intorno all'elezione del nuovo presidente (la carica è vacante dallo scorso 25 maggio), che agli occhi dei capi delle comunità religiose continua a rappresentare «una minaccia alla sovranità del Libano, alla sicurezza e alla stabilità». È la posizione espressa, riporta il comunicato finale, dal summit interreligioso svoltosi ieri preso la sede patriarcale maronita di Bkerkè, che ha registrato la partecipazione di tutti i leader cristiani e musulmani del Paese, ad eccezione del patriarca greco ortodosso di Antiochia Yohanna X.

Tale situazione, secondo i leader religiosi cristiani e musulmani, mette a repentaglio anche la sua architettura costituzionale, che tutelando la compartecipazione di cristiani e musulmani alla leadership politica del Paese rappresenta «un messaggio diretto a tutto il mondo arabo e al mondo intero», nonché mette a rischio la sopravvivenza stessa del Paese, esponendo il suo equilibrio fragile ai conflitti e alle derive settarie che stanno stravolgendo lo scenario mediorientale. «L'elezione di un Presidente cristiano maronita - si legge nella dichiarazione dei leader spirituali cristiani e musulmani - è la garanzia della continuità della convivenza sociale e quindi dello stesso Libano».

Fonte: Sir
Libano: summit interreligioso, mancanza presidente «minaccia per la sovranità»
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento